Comune di Valentano, c’è nessuno che amministra?

Comune di Valentano, c’è nessuno che amministra?

Il Comune di Valentano è in panne. Una serie di vicissitudini personali, che hanno coinvolto sindaco e giunta, pongono una seria questione e un punto interrogativo bello grosso sul futuro dell'amministrazione.

ADimensione Font+- Stampa

Il Comune di Valentano è in panne. Una serie di vicissitudini personali, che hanno coinvolto sindaco e giunta, pongono una seria questione e un punto interrogativo bello grosso sul futuro dell’amministrazione.

Il sindaco Francesco Pacchiarelli, eletto con la lista L’Alberone, è alla prese con problemi di salute seri e manca dal paese da fine marzo. A complicare la situazione le dimissioni del vicesindaco Fabrizio Santi, protocollate in data venerdì 26 maggio, e dichiarate come irrevocabili.

Una tempesta perfetta che rischia di compromettere il continuo dell’esperienza di governo. Sulla carta infatti Santi avrebbe 20 giorni di tempo dalla consegna delle dimissioni per fare un passo indietro. Ma diventa complicato pensare che possa tornare sui propri passi, dopo averle espresse con tanta fermezza e averci messo sopra la parola “irrevocabili”. Della giunta è rimasta solo nel proprio ruolo l’assessore Marianna Rosati.

L’ultimo consiglio convocato risale a metà aprile, giorno dell’approvazione del bilancio consuntivo. Di fatto il Comune è al momento in una situazione piuttosto anomala di “potere vacante”. Chi sarebbe chiamato a svolgere, infatti, in caso di bisogno le ordinarie e straordinarie funzioni del primo cittadino? Se fosse necessario un Tso, chi firmerebbe? Se ci fosse bisogno di un decreto per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini chi potrebbe firmarlo? E le ordinanze urgenti in caso di pericolo per l’incolumità dei cittadini?

Quello di Valentano rischia di rappresentare un vero e proprio cortocircuito amministrativo. In paese non si parla d’altro e la questione addensa i dubbi in molti a ogni giorno che passa. La macchina amministrativa è sostanzialmente bloccata. La giunta non si riunisce più e di conseguenza il consiglio. Quanto può durare questo stato di cose? La strada che le circostanze hanno detto sembra andare verso l’intervento della Prefettura per lo scioglimento del Comune, eletto meno di un anno fa.