Comunali, Antoniozzi sta con Chiara Frontini: “Le ho chiesto di quel cazzo de manifesto”

Comunali, Antoniozzi sta con Chiara Frontini: “Le ho chiesto di quel cazzo de manifesto”

Alfonso Antoniozzi con Viterbo2020: sarà il responsabile cultura del Movimento fondato da Chiara Frontini. Nonostante una diversità di vedute sostanziale in merito alle politiche sull’immigrazione, Antoniozzi ha deciso di aderire alla lista civica dell’ex assessore del Comune di Viterbo.

ADimensione Font+- Stampa

Alfonso Antoniozzi con Viterbo2020: sarà il responsabile cultura del Movimento fondato da Chiara Frontini. Nonostante una diversità di vedute sostanziale in merito alle politiche sull’immigrazione, Antoniozzi ha deciso di aderire alla lista civica dell’ex assessore del Comune di Viterbo.

Antoniozzi non ha nascosto di non aver apprezzato il famoso manifesto “Viterbo non è un albergo” del Movimento, ma ne ha capito il senso nonostante lo slogan fosse “sciagurato”. Così ha risposto a molti, su Facebook. “Voleva richiamare al rispetto delle quote di accoglienza imposte dalla legge, sfondate per la gioia di albergatori che hanno risolto così la crisi delle camere vuote. Slogan pessimo. E comunque è una lista civica: ci sono persone di mille ideologie diverse che però vogliono realizzare un programma condiviso”. Ha spiegato.

Antoniozzi si occuperà di cultura. “Frontini l’unica veramente preparata sul tema cultura – ha spiegato – l’unica con risposte sempre pertinenti. Così ho deciso di accettare la proposta. Ho visto nel movimento un’attenzione meticolosa”.

Recentemente ha ufficializzato il passaggio a Viterbo2020 anche Isabella Speranza, ex volto noto del Movimento 5 Stelle che ha lasciato per diversità di vedute sulla gestione del meet up locale.

Decarta racconta la Tuscia