Civita di Bagnoregio verso il titolo di Patrimonio Unesco. Bigiotti, Zingaretti, Crepet e Lodoli fanno il punto a Roma

Civita di Bagnoregio verso il titolo di Patrimonio Unesco. Bigiotti, Zingaretti, Crepet e Lodoli fanno il punto a Roma

Civita di Bagnoregio verso il titolo di Patrimonio Unesco. Domani a Roma la conferenza stampa per tirare una riga sul lavoro svolto e tratteggiare cosa accadrà da qui a seguire. Appuntamento alle 11,30 presso largo Ascianghi 5. Saranno presenti insieme al sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il geologo Claudio Margottini, il professor Paolo Crepet e lo scrittore Marco Lodoli.

ADimensione Font+- Stampa

Civita di Bagnoregio verso il titolo di Patrimonio Unesco. Domani a Roma la conferenza stampa per tirare una riga sul lavoro svolto e tratteggiare cosa accadrà da qui a seguire. Appuntamento alle 11,30 presso largo Ascianghi 5. Saranno presenti insieme al sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti anche il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il geologo Claudio Margottini, il professor Paolo Crepet e lo scrittore Marco Lodoli.

La procedura per il riconoscimento di Patrimonio Unesco per un luogo segue un iter che in genere impiega dieci anni per arrivare a maturazione. La convinzione del sindaco Bigiotti è invece di riuscire a chiudere tutto a tempo di record in due anni.

La tabella di marcia prevede la consegna di un dossier al Ministero per i Beni Culturali, che poi sarà trasmesso a Parigi (sede Unesco). Al momento Civita di Bagnoregio e la Valle dei Calanchi sono nella tentative list, dove è stata inserita nel febbraio 2017.

Intanto il Comune di Bagnoregio sta costruendo il telaio sul quale confezionare un progetto di gestione per Civita, puntando a uno sviluppo turistico sostenibile. Il tutto sarà realizzato sotto la regia di esperti del settore e coinvolgendo il tessuto sociale cittadino.