Civita di Bagnoregio, la “reginetta” della tv: dalla CNN a “mamma Rai”

Civita di Bagnoregio, la “reginetta” della tv: dalla CNN a “mamma Rai”

Tra i Calanchi è nata una “reginetta”. Se gli eventi saranno governati bene anche grazie a tutto questo la Tuscia diventerà davvero un territorio turistico. Con posti di lavoro e sviluppo.

ADimensione Font+- Stampa

Civita di Bagnoregio reginetta della televisione nazionale e internazionale. A mettere la ciliegina sulla torta di un periodo davvero straordinario ci ha pensato la CNN. L’emittente che meglio di ogni altra raccontò la prima guerra in Iraq ha tracciato un elenco di luoghi imperdibili in Italia.

Sul suo sito internet ha inserito Civita di Bagnoregio al primo posto nella classifica dei 33 migliori posti da visitare nel BelPaese. Una roba da far tremare le vene ai polsi, che corona una strategia di marketing territoriale davvero destinata a essere presa a modello che l’amministrazione guidata da Francesco Bigiotti ha saputo sviluppare e incrementare in questi anni.

Sembra davvero che Civita sia oggi dappertutto. E’ facile andare a casa di amici e trovarla immortalata su riviste di viaggio. Oppure scorrere i canali televisivi e vederla raccontata. Nell’ultimo mese è stata protagonista di Fuorilinea su Rai Tre, di Storie Vere su Rai Uno, del Tg 3 nazionale, di Morning Voyager con Roberto Giacobbo su Rai Due e di un approfondimento sull’arte andato in onda diverse volte su Rai News24.

Tra i Calanchi è nata una “reginetta”. Se gli eventi saranno governati bene anche grazie a tutto questo la Tuscia diventerà davvero un territorio turistico. Con posti di lavoro e sviluppo.

Banner
Banner
Banner