Cinque Stelle – Chiuse la autocandidature per il Parlamento, tanti in corsa anche nella Tuscia

Cinque Stelle – Chiuse la autocandidature per il Parlamento, tanti in corsa anche nella Tuscia

I Cinque Stelle si preparano a scegliere i propri candidati per i due rami del Parlamento. Scaduto ieri alle 17 il tempo per gli iscritti al Movimento di dare la propria disponibilità a candidarsi e quindi a essere messi in gioco nel meccanismo delle Parlamentarie.

ADimensione Font+- Stampa

I Cinque Stelle si preparano a scegliere i propri candidati per i due rami del Parlamento. Scaduto ieri alle 17 il tempo per gli iscritti al Movimento di dare la propria disponibilità a candidarsi e quindi a essere messi in gioco nel meccanismo delle Parlamentarie.

Tra gli aspiranti deputati pentastellati anche, ovviamente, tanti dalla provincia di Viterbo e dal capoluogo. Per dare la propria disponibilità è stato necessario per gli iscritti alla piattaforma Rousseau accettare il nuovo regolamento Cinque Stelle.

A questo punto si apre tutto un lavoro di scrematura. Un grande potere se lo sono riservato Beppe Grillo, Davide Casaleggio e Luigi Di Maio, che da oggi in poi filtreranno gli aspiranti  candidati, eliminando coloro che non rispettano le regole. Grillo ha assicurato che il processo di  scrematura sarà “limpido, trasparente e regolare”.

Da quanto si è appreso, dopo la fase di controllo sugli autocandidati, si apriranno le votazioni. Tutti gli iscritti a Rousseau potranno votare tra gli aspiranti senatori e deputati del proprio collegio. Il 19 gennaio i vincitori delle Parlamentarie si riuniranno a Pescara per la convention che darà il via alla campagna elettorale.