Cinghiali, la Prefettura convoca un tavolo per l’abbattimento selettivo

Cinghiali, la Prefettura convoca un tavolo per l’abbattimento selettivo

La prefettura di Viterbo, ha convocato per il prossimo 5 aprile alle 11 un tavolo tecnico per trattare la problematica relativa alla presenza di ungulati, appartenenti alla famiglia dei cinghiali, nelle aree pubbliche e private ad uso pubblico della provincia di Viterbo, considerati i gravi rischi specifici per l’incolumità dell’uomo e la sicurezza delle persone, minacciata anche sotto il profilo della sicurezza stradale, cosi come peraltro segnalato di recente dalla Confagricoltura e dalla Coldiretti di Viterbo.

ADimensione Font+- Stampa

La prefettura di Viterbo, ha convocato per il prossimo 5 aprile alle 11 un tavolo tecnico per trattare la problematica relativa alla presenza di ungulati, appartenenti alla famiglia dei cinghiali, nelle aree pubbliche e private ad uso pubblico della provincia di Viterbo, considerati i gravi rischi specifici per l’incolumità dell’uomo e la sicurezza delle persone, minacciata anche sotto il profilo della sicurezza stradale, cosi come peraltro segnalato di recente dalla Confagricoltura e dalla Coldiretti di Viterbo.

Al tavolo, finalizzato all’adozione di un’ordinanza di abbattimento selettivo degli ungulati da parte degli enti locali, sotto il coordinamento della prefettura, saranno presenti oltre che tutti i sindaci della provincia di Viterbo, gli uffici competenti della Regione Lazio e dell’amministrazione provinciale , nonché il Gruppo carabinieri forestali, l’Asl servizio veterinario, la federazione provinciale Coldiretti, la Confagricoltura, l’Anpana Zoofili, l’associazione Ambientalisti, le associazioni dei cacciatori, le associazioni animalisti, l’ambito territoriale caccia VT/1 e VT/2 , la riserva naturale del lago di Vico, la comunità montana Alta Tuscia Laziale nonché la Riserva naturale Valle dell’Arcionello.

Sono stati invitati a partecipare anche i consiglieri regionali Enrico Panunzi e Silvia Blasi.