‘Cinema Italia’ e un grande omaggio a Lucio Dalla per il weekend di chiusura a Bagnoregio del Tuscia in Jazz

‘Cinema Italia’ e un grande omaggio a Lucio Dalla per il weekend di chiusura a Bagnoregio del Tuscia in Jazz

Sabato 12 Rosario Giuliani e Luciano Biondini, domenica 13 Pippo Matino e Silvia Barba.

ADimensione Font+- Stampa

Un fine settimana davvero entusiasmante a Bagnoregio, con due eventi di grande livello firmati Tuscia in Jazz. Sabato 12 agosto saliranno sul palco di piazzale Biondini Rosario Giuliani (sax soprano e sax contralto) e Luciano Biondini (fisarmonica) con il loro progetto Cinema Italia. Domenica 13 la chiusura delle cinque giornate di Tuscia in Jazz bagnoresi è affidata a Pippo Matino e Silvia Barba, con il loro Bassvoice Project e un grande omaggio alla musica di Lucio Dalla.

L’appuntamento con gli spettacoli è sempre alle ore 21,45 a Piazzale Biondini.

‘Cinema Italia’ è un omaggio al grande cinema italiano, che ha contribuito a far conoscere il nostro Paese ovunque e che ha nel tempo consolidato una tradizione di eccellenza.

Rosario Giuliani al sax, Luciano Biondini alla fisarmonica portano sul palco un punto di vista musicale contemporaneo, che non tradisce mai la melodia di temi indimenticabili ma allo stesso tempo li presenta con una nuova forza e vitalità, dimostrando la loro immortalità e sorprendendo sempre l’ascolto con la modernità delle versioni proposte.

Temi indimenticabili di film intramontabili, tra i quali 8 e mezzo, C’era una volta in America e Nuovo Cinema Paradiso, firmati dagli inarrivabili Nino Rota ed Ennio Morricone. Accanto a questi brani e compositori iconici, due originali firmati da Rosario Giuliani e Luciano Biondini (Bianco e Nero e What is there what is not) che dimostrano ancora una volta la forza narrativa di questi due grandi artisti.

Un basso elettrico che costruisce, nota dopo nota, le melodie di celebri brani italiani e internazionali con una voce potente e intensa che gioca con i suoni e le emozioni. Questo è il BassVoice Project di Pippo Matino – uno dei più importanti bassisti d’Europa – e di Silvia Barba, cantante romana cresciuta artisticamente tra la Capitale e Parigi.

Da molti anni insieme, con due album all’attivo, portano avanti un percorso che si snoda tra brani originali e la canzone d’autore rivisitata. Spesso accompagnati da alcuni fra i più talentuosi musicisti italiani e non solo, come Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Jorge Bezerra Antonello Salis, Francesco Bearzatti, Michael Lecoq, presentano il loro repertorio in una chiave minimale, percorrendo un viaggio nelle sonorità mediterranee, nelle atmosfere melodiche e ritmiche, con particolare attenzione all’espressività dei testi scelti.

 

Banner
Banner
Banner