Ballottaggio, PD per libertà di scelta. Ciambella: “Preoccupati dal ballottaggio, noi contro le discriminazioni”

Ballottaggio, PD per libertà di scelta. Ciambella: “Preoccupati dal ballottaggio, noi contro le discriminazioni”

Nei giorni scorsi è tornata a parlare Luisa Ciambella e in vista del ballottaggio ha indicato la strada per gli elettori democratici: "Preoccupati dal ballottaggio, noi contro le discriminazioni. I nostri elettori sono consapevoli di questo e sapranno scegliere ascoltando i due candidati e capire chi meglio può impegnarsi nel rispetto di questi valori con spirito riformatore e profonda moderazione".

ADimensione Font+- Stampa

Nei giorni scorsi è tornata a parlare Luisa Ciambella e in vista del ballottaggio ha indicato la strada per gli elettori democratici: “Preoccupati dal ballottaggio, noi contro le discriminazioni. I nostri elettori sono consapevoli di questo e sapranno scegliere ascoltando i due candidati e capire chi meglio può impegnarsi nel rispetto di questi valori con spirito riformatore e profonda moderazione”.

L’intervento integrale.

La coalizione di centro sinistra, il partito democratico, orizzonte comune e la Voce dei giovani Viterbesi, ringrazia gli elettori, che ci hanno accordato il loro consenso, consentendoci di essere con il 12,50% la terza coalizione. Un risultato importante alla luce delle scelte fatte da ex esponenti del PD di dare vita ad un soggetto diverso e contrapposto ai democratici viterbesi. Il PD riprende il proprio cammino a Viterbo città con un gruppo dirigente arricchito di tante esperienze nuove e di tanti giovani. Si apre un cammino di confronto con le realtà sociali e con la Città non più aggravato da lotte intestine e strumentali divisioni. Apriamo un cantiere che rilanci e consolidi a Viterbo un PD aperto che guarda al futuro, che include chi condivide valori di onestà, trasparenza, capacità, che non occupa le istituzioni, che non rinuncia a battaglie a difesa della dignità dell’uomo e della Costituzione. Il nostro cantiere da subito metterà in campo un’azione che promuova e stimoli un accoglienza sicura, ed una sicurezza certa che deve garantire lo stato e le istituzioni ma che contrasta con ogni mezzo l’abominio della discriminazione e l’annichilimento della dignità dell’uomo. Per questo realizzeremo a breve un manifesto cittadino da condividere con tutte le donne e gli uomini di buona volontà per far sì che nessuno possa scrivere che “Viterbo non è un albergo” o proporre schedature anticostituzionali e che evocano le leggi razziali, i viterbesi non sono questo. La paura alimentata e cavalcata è una brutta bestia, guarda al passato e ci preclude il futuro. Per questi valori il ballottaggio di domenica ci preoccupa, i due candidati esprimono nelle loro due coalizioni culture di destra preoccupanti e lontane dalla tradizione e dalla cultura della nostra città. I nostri elettori sono consapevoli di questo e sapranno scegliere ascoltando i due candidati e capire chi meglio può impegnarsi nel rispetto di questi valori con spirito riformatore e profonda moderazione.

Luisa Ciambella