Chiude la sede viterbese della Banca d’Italia

Chiude la sede viterbese della Banca d’Italia

Chiude la filiale viterbese della Banca d'Italia. La storica sede di via Marconi sarà libera entro il 2018. La decisione, già nell'aria, è stata presa in maniera definitiva dal consiglio superiore di via Nazionale.

ADimensione Font+- Stampa

Decisa in maniera certa la chiusura della filiale viterbese della Banca d’Italia. La notizia era circolata già da qualche mese, ma mancava dei crismi dell’ufficialità. Lunedì invece si è riunito il consiglio superiore di via Nazionale che ha votato e approvato il percorso di razionalizzazione.

Una mannaia.Delle 97 filiali in forza nel 2007 ne rimarranno attive su tutto il territorio nazionale meno della metà. 39 per l’esattezza. Attualmente se ne contano 58, compresa quella di Viterbo, più tre divisioni distaccate. La data massima per completare i tagli è stata fissata nel dicembre 2018.

Banca d’Italia si è resa disponibile a risolvere nel migliore dei modi la posizione lavorativa delle 360 unità di personale attualmente impiegate nelle filiali destinate alla chiusura. Si parla prepensionamento o trasferimenti. Anche se i sindacati sono sul piede di guerra.

La chiusura della Banca d’Italia libera un edificio grandissimo, di proprietà della stessa, lungo il boulevard Marconi. Un posto in pieno centro a cui sarebbe auspicabile trovare una nuova funzione.

A chiudere saranno le filiali di Como, Sondrio, Varese, Novara, La Spezia, Treviso, Reggio Emilia, Grosseto, Siena, Ascoli Piceno, Pesaro, Latina, Viterbo, Avellino, Caserta, Taranto, Messina, Ragusa e Trapani.

  • Hunter McCoy

    Ma che domande fate? Ovviamente diventerà biblio-pensatoio acculturante per menti sofiste. Roba che la cultura superiore del Freigeist di Nietzsche è fuffa. In previsione della morfoculturizzazione di VIterbo a capitale intellettuale, direi di trasformare lo stabile in biblioteca digitale con ologrammi di libri e condivisioni open-minded su Facebook. Organizza Medioera con il digital-champion Rotelli! Tanta cultura e tanto futuro pare!