Chi non arriva a fine mese e dipendenti pubblici con la “mazzetta”

Chi non arriva a fine mese e dipendenti pubblici con la “mazzetta”

La notizia di oggi ci conferma che il triste e trito fenomeno ancora esiste. Proprio così. Mentre c'è chi non arriva a fine mese, chi è disoccupato e vede nero abbiamo anche un signore, l'augurio naturalmente è che si tratti di un caso isolato, che non pago del suo stipendio pagato dai cittadini chiede anche le mazzette.

ADimensione Font+- Stampa

Mille euro, una cifra tutto sommato modesta ma che ci racconta oggi una storia infame. Un funzionario della Asl beccato con le mani nel sacco dalla Guardia di Finanza. Stava intascando il secondo lotto di una tangente da un giovane che si è trovato a “fare le carte” per chiedere il riconoscimento dello status di invalido civile per un genitore colpito dal cancro.

Proprio il ragazzo ha permesso l’arresto, denunciando alle forze dell’ordine quel dipendente Asl che lo aveva avvicinato proponendo l’affare: “2mila euro e a fare andare tutto liscio ci penso io”.

Il vento di tangentopoli spira ancora dentro il sistema Italia. E la corruzione non riguarda solo i big ma anche i semplici funzionari. La notizia di oggi ci conferma che il triste e trito fenomeno ancora esiste. Proprio così. Mentre c’è chi non arriva a fine mese, chi è disoccupato e vede nero abbiamo anche un signore, l’augurio naturalmente è che si tratti di un caso isolato, che non pago del suo stipendio pagato dai cittadini chiede anche le mazzette.

Questo pone una serie di problemi. C’è chi non solo viene pagato 365 giorni dalla collettività per il lavoro che dovrebbe svolgere ma si verificano casi aberranti di impiegati pubblici che svolgono malissimo quello per cui sono stipendiati e tra l’altro se ne approfittano. Se ne approfittano fino al punto di speculare su una famiglia che ha a che fare con un problema serio come un tumore.

Ma il sistema scoperto dalle fiamme gialle si basa davvero solo su un uomo? Come può un uomo solo “garantire” il risultato? Agli inquirenti la ricerca delle risposte, ai cittadini il dovere di denunciare.

Banner
Banner
Banner