Centro storico, finalmente la strada giusta. L’Ance accende la luce

Centro storico, finalmente la strada giusta. L’Ance accende la luce

Centro storico di Viterbo, inizia una nuova era. Con 18mila euro messe sul tavolo, per un concorso d'idee, Ance Viterbo apre una nuova interessante prospettiva sulla città. Il Comune condivide l'iniziativa e si mette in cammino su un'interessante direzione.

ADimensione Font+- Stampa

Un concorso d’idee, tre vincitori e 18mila euro sul tavolo. A metterli Ance Viterbo, l’associazione dei costruttori. Ad aggiudicarseli saranno il primo, il secondo e il terzo che riusciranno a convincere con le loro proposte di riqualificazione delle piazze del centro storico.

I progetti dovranno essere pensati su Piazza san Sisto, Fontana Grande e del Comune, delle Erbe, del Gesù, della Morte e piazza San Lorenzo. Tetto massimo per ogni progettazione è una spesa di 500mila euro e il bando sarà pubblicato da Palazzo dei Priori venerdì o al massimo lunedì.

Il Comune di Viterbo ha sposato l’iniziativa e tutto questo rappresenta sicuramente la strada giusta da percorrere per ripensare una città moderna e capace di attirare turismo.
Il centro storico del capoluogo della Tuscia verte infatti in uno stato incredibile. E’ fermo nell’abbandono, ripiegato su se stesso e decisamente lontano dagli standard di un luogo che vorrebbe definirsi d’arte e di cultura. Quest’iniziativa ha il merito di rompere il silenzio e incanalare energie nella giusta prospettiva. Il fatto che il Comune abbia stretto la mano ad Ance e presentato questo concorso d’idee è un segnale interessante.

Inizia la caccia a idee smart e innovative, ma anche rispettose dell’ambiente. Interessanti le parole spese nella conferenza di questa mattina dal presidente Ance Andrea Belli: “Viterbo è una miniera d’oro, ancora da scoprire. Con questo concorso vogliamo aiutare la città a rimettersi in moto e a guardare al futuro. Riqualificare il centro significa riaccendere l’economia”.

Presente all’incontro anche la Camera di Commercio, rappresentata dal presidente Domenico Merlani. Anche da lui entusiasmo per la nuova aria che questo concorso mette in circolo. Apprezzamento dall’ordine degli ingegneri. Per il Comune sono intervenuti il sindaco Leonardo Michelini e l’assessore all’Urbanistica Raffaella Saraconi.