Caso Moltoni, Sozio: “Sono scomoda. Ora vado in Procura, la giustizia ha perso”

Caso Moltoni, Sozio: “Sono scomoda. Ora vado in Procura, la giustizia ha perso”

“È stato un voto politico, hanno strumentalizzato la vicenda del consigliere Moltoni per dar fastidio a Michelini – commenta – perché lui è passato all’opposizione e io invece entrerei in maggioranza e sono scomoda. La politica è così, fa venire la nausea"

ADimensione Font+- Stampa

E ora l’esposto in Procura. Dopo la diffida nei confronti del Consiglio comunale arriverà anche un esposto. Vita Sozio, la prima dei non eletti di Oltre Le Mura alle scorse elezioni amministrative commenta amaramente la vicenda della mancata decadenza del consigliere Francesco Moltoni e critica l’atteggiamento di una parte della maggioranza. Con il voto contrario alla decadenza di oggi (qui la cronaca), infatti, la Sozio ha perso l’occasione di subentrargli e di diventare consigliera a sostengo di Leonardo Michelini. “È stato un voto politico, hanno strumentalizzato la vicenda del consigliere Moltoni per dar fastidio a Michelini – commenta – perché lui è passato all’opposizione e io invece entrerei in maggioranza e sono scomoda. La politica è così, fa venire la nausea. Sono delusa perché la responsabilità non è di Francesco Moltoni, perché lui cerca come può di mantenere la sua posizione e ciò è legittimo, ma se chi lo sostiene va contro la legge – si chiede – allora la giustizia dov’è?”

Vita Sozio si trova così dall’altra parte della barricata rispetto a Francesco Moltoni con il quale alle ultime elezioni, quando era già stato condannato, era in accoppiata e faceva campagna elettorale insieme. “Mi era stato suggerita l’accoppiata. Diciamo che era un po’ pilotata e al momento non mi ero resa conto di questa cosa e non stava comunque a me capire se uno si poteva o meno candidare. Se lo ha fatto sicuramente poteva farlo”.

Decisivi nell’affossamento della delibera che doveva portare alla decadenza di Moltoni sono stati i consiglieri della maggioranza facenti capo alla corrente legata a Serra e Panunzi che si sono astenuti, ad eccezione di Marco Volpi che ha espresso voto contrario. “Serra e gli altri si sono messi di traverso al sindaco Michelini con il suo gruppo sin dall’inizio. Non ci sono parole”.

Banner
Banner
Banner