Caso Moltoni, Bizzarri: “Vita Sozio doveva andare in Procura tanto tempo fa”

Caso Moltoni, Bizzarri: “Vita Sozio doveva andare in Procura tanto tempo fa”

Non si placa il dibattito in merito alle dichiarazioni di Vita Sozio, prima dei non eletti di Oltre Le Mura che in seguito alla bocciatura della pratica per la decadenza di Francesco Moltoni che le avrebbe consegnato il seggio da consiglieri, ha annunciato un prossimo esposto in Procura contro il Consiglio comunale.

ADimensione Font+- Stampa

Procura sì o procura no? Daniela Bizzarri ha le idee chiare: “Sì, ma ci doveva andare tanto tempo fa”. Non si placa il dibattito in merito alle dichiarazioni di Vita Sozio, prima dei non eletti di Oltre Le Mura che in seguito alla bocciatura della pratica per la decadenza di Francesco Moltoni che le avrebbe consegnato il seggio da consiglieri, ha annunciato un prossimo esposto in Procura contro il Consiglio comunale.

L’ex candidata della lista civica del sindaco Michelini che si proponeva in accoppiata con Francesco Moltoni nel 2013, ha parlato a La Fune esprimendo il proprio pensiero: “Non ha vinto Moltoni, ha perso la giustizia”. Questo in sintesi il Sozio-pensiero in merito ad una vicenda per la quale ha prima diffidato il Consiglio a eprimersi celermente, poi annunciato l’esposto (qui).

Alle parole di Vita Sozio ha fatto seguito la replica di Francesco Moltoni (che potete leggere qui) e ora anche le parole di Daniela Bizzarri solidale con lei: “Vuole andare in Procura? Ci doveva andare tanto tempo fa, non adesso”. Sibillina Daniela Bizzarri, una dei pochi che in Consiglio ha votato per la decadenza. “Sono stata molto vicino a Francesco Moltoni – ha detto – ma ci sono le regole da rispettare”. Il voto (la cronaca di quella giornata qui) è finito 9 a 8 per l’opposizione alla decadenza, con la maggioranza che ha votato a ordine sparso. Un voto senza significato politico, però per Daniela Bizzarri anche se la geografia del voto ha ricalcato più o meno le divisioni in Consiglio: “La maggioranza non si è spaccata su questo, c’era libertà di voto sia nel Pd che in Oltre Le Mura – ha concluso – e non può essere questo il termometro per misurare la crisi del centrosinistra”.

Indirettamente a Vita Sozio ha risposto anche Gianmaria Santucci che ha definito “un metodo barbaro” quello di sbrigare faccende politiche rivolgendosi alla Procura (qui il suo intervento).

Banner
Banner
Banner