Casapound: “Puntiamo alla conquista di Palazzo dei Priori”

Casapound: “Puntiamo alla conquista di Palazzo dei Priori”

Umberto Ciucciarelli, Simone Di Stefano, Claudio Taglia. Casapound riparte da qui, da una conferenza nel pomeriggio nella sede di via Romiti. Il segretario nazionale è arrivato nel cuore della Tuscia per stare insieme ai suoi nel momento dell'annuncio della candidatura per Palazzo dei Priori.

ADimensione Font+- Stampa

Umberto Ciucciarelli, Simone Di Stefano, Claudio Taglia. Casapound riparte da qui, da una conferenza nel pomeriggio nella sede di via Romiti. Il segretario nazionale è arrivato nel cuore della Tuscia per stare insieme ai suoi nel momento dell’annuncio della candidatura per Palazzo dei Priori.

Non svelato il nome del candidato. Arriverà a breve. L’incontro è servito a formalizzare la scesa in campo. “A Viterbo abbiamo avuto un risultato importante – fa il punto il segretario -. Qui siamo arrivati al 4%, prova che quando si è presenti sui territori, si lavora, i risultati ci sono. Possiamo crescere alle comunali e far partire un segnale per tutta l’Italia. Se si andrà al ballottaggio saremo determinanti e chiederemo di rispettare punti del nostro programma per la città: sviluppo economico e via i clandestini”.

Il tasto della sicurezza è il primo su cui batte Umberto Ciucciarelli. Lo lega allo sviluppo turistico, modo centrale per la crescita dell’economia locale. “Dobbiamo mettere al centro e valorizzare le nostre peculiarità, per avere sviluppo turistico è però necessaria la sicurezza”, così Ciucciarelli.

Claudio Taglia parla di termalismo, tema che ha conosciuto a fondo ricoprendo anche la carica di assessore al ramo in passato, proprio al Comune di Viterbo. Nel suo intervento tocca anche il tasto dei collegamenti con Roma, altra nota dolente del capoluogo della Tuscia. Casapound lancia la sfida, ora l’attesa per il nome di candidato sindaco.