Capigruppo inutile: sancita la frattura della maggioranza, la Città aspetterà ancora

Capigruppo inutile: sancita la frattura della maggioranza, la Città aspetterà ancora

Una riga per riassumere quanto successo oggi durante la riunione dei capigruppo dei gruppi consiliari convocata per convocare i Consigli comunali. La maggioranza però non c’è più e l’accordo per far ripartire i lavori dell’assemblea non c’è.

ADimensione Font+- Stampa

Ciorba-padre rinuncia all’incarico di revisore e la Conferenza dei capigruppo non riesce a convocare il Consiglio comunale. Una riga per riassumere quanto successo oggi durante la riunione dei capigruppo dei gruppi consiliari convocata per convocare i Consigli comunali. La maggioranza però non c’è più e l’accordo per far ripartire i lavori dell’assemblea non c’è.

Intanto Lorenzo Ciorba ha fatto sapere che rinuncerà al ruolo di presidente dei revisori dei conti. Una decisione che, se fosse arrivata un mese fa, forse avrebbe salvato la maggioranza Michelini. La decisione di oggi assomiglierebbe quasi ad una beffa.

La Conferenza dei capigruppo è stata riconvocata per giovedì prossimo. Poco prima che il capogruppo Pd Francesco Serra portasse lì la crisi, iniziava a girare la notizia delle dimissioni di Melissa Mongiardo e Arduino Troili dalla presidenza delle Commissioni consiliari. Una decisione che azzoppa nuovamente la maggioranza.