Il Campo Scuola vede la luce: dopo la pista anche gli spogliatoi e gli ascensori per disabili

Il Campo Scuola vede la luce: dopo la pista anche gli spogliatoi e gli ascensori per disabili

Lo annuncia l’assessore ai lavori pubblici Alvaro Ricci che annuncia entusiasta di aver trovato fondi per la sistemazione degli spogliatoi della struttura di via del Campo Scolastico.

ADimensione Font+- Stampa

Dopo la pista anche gli spogliatoi e gli ascensori per disabili: l’amministrazione investe sul Campo Scuola. Lo annuncia l’assessore ai lavori pubblici Alvaro Ricci che annuncia entusiasta di aver trovato fondi per la sistemazione degli spogliatoi della struttura di via del Campo Scolastico.

Si tratta di circa 60.000 euro che il Comune di Viterbo dovrebbe investire questa estate per il rifacimento delle strutture sulle quali non si interviene da molti anni. “Non si tratta di un intervento di poco conto – spiega l’assessore ai lavori pubblici Alvaro Ricci – perché da tanti anni non ci si mette mano. L’obiettivo è quello di consegnarli completati per l’inizio delle scuole, al massimo per ottobre”. Una boccata d’ossigeno per il Campo Scuola presso il quale i lavori erano attesi da anni e che arriveranno dopo che il Comune ha finito di risistemare la pista, inagibile in parte da tempo, e il manto verde al centro. Lavori arrivati con un ritardo che ha allontanato molti atleti dalle piste, almeno secondo quanto denunciato da tempo da Giuseppe Misuraca della Fidal Viterbo.

Meno certi invece gli interventi per le tribune. In questo caso infatti per cantare vittoria bisogna aspettare l’esito di un bando regionale che finanzia al 50% gli interventi per le strutture scolastiche fino a un massimo di 30.000 euro. È questa la cifra richiesta, e quindi anche prevista, per realizzare un ascensore che permetta l’accesso alle tribune da parte delle persone disabili.

“Un’occasione – ancora Alvaro Ricci – che permetterebbe alla struttura di poter ospitare anche iniziative come le competizioni regionali e nazionali dedicate ad atleti speciali, anche perché la nostra città si è da sempre contraddistinta per le tante associazioni di volontariato ed è una cosa sulla quale si potrebbe lavorare”. Ma prima bisogna vincere il bando.