Camilli: “Abbiamo la peggior struttura della serie C”

Camilli: “Abbiamo la peggior struttura della serie C”

Il 31 marzo scade la deroga concessa alla Viterbese per il generatore d’emergenza. Il patron Piero Camilli non nasconde la preoccupazione per il rischio di penalizzazioni.

ADimensione Font+- Stampa

La Viterbese sta facendo un buon campionato, rispettando le attese di inizio stagione. Lo stesso non si può dire del comune, che non ha ancora risolto il problema afferente al generatore di emergenza per l’impianto in via della Palazzina. Un adeguamento necessario per poter giocare le partite in notturna, nel rispetto dei criteri infrastrutturali imposti dalla lega per poter giocare in terza serie.

In qualità di neopromossa la Viterbese sta comunque godendo di una deroga con scadenza prevista il 31 marzo, dopodiché la società rischia di incorrere in sanzioni.

“Nessuna novità – afferma il patron gialloblù Piero Camilli– e purtroppo non credo ci saranno in tempi brevi: siamo ancora senza gruppo elettrogeno. Il sindaco dice che bisogna aspettare il prossimo bilancio ma a queste cose bisogna pensarci prima, la deroga sta per scadere e a fine marzo ci inizieranno a dare le penalizzazioni.

Non è plausibile una situazione del genere e purtroppo devo ripetere che Viterbo non è una città adatta a ospitare il calcio professionistico. Abbiamo la peggior struttura della serie C e basta guardare in Toscana per rendersi conto che siamo lontani anni luce da loro”.

Banner
Banner
Banner