Calano il numero di denunce e Viterbo diventa una provincia sempre più sicura

Calano il numero di denunce e Viterbo diventa una provincia sempre più sicura

I dati del Sole24Ore evidenziano una diminuzione generale dei reati in Italia. Nella Tuscia il crollo delle denunce è maggiore rispetto alla media nazionale.

ADimensione Font+- Stampa

Viterbo diventa sempre più sicura. A dirlo è un indagine del Sole24Ore che si basa su dati del 2015, confrontandoli con quelli dell’anno precedente. Secondo il dossier, infatti, la Tuscia è 84esima su 106 province incluse nello studio. Nel 2015, infatti, nel viterbese sono state registrate 9944 denunce, con un calo dell’8,8% rispetto all’anno prima, mentre la media nazionale è calata del 4,5%.

La criminalità esiste, ovviamente, ma negli anni l’azione delle forze dell’ordine e altri fattori stanno rendendo Viterbo più sicura rispetto ad altre città italiane. Anche nelle altre province del Lazio, però, i dati portano buone notizie. Frosinone risulta ancora più sicura della nostra provincia e si piazza al 94esimo posto, nonostante l’aumento delle denunce dell’1%.

Rieti va ancora meglio e arriva quasi a fine classifica: 104esimo posto, solo due posti dalla provincia più sicura d’Italia, Oristano che arriva 106esima. A Latina e Roma, invece, la situazione è diversa. La prima si piazza al 43esimo posto, ben al di sopra di metà classifica, con 3947 denunce ogni centomila abitanti e un calo del 3,9% rispetto al 2014.

La Capitale, invece, è nel vertice della classifica per numero di denunce e si piazza al quinto posto, con 5950 denunce e una flessione del 7,2%. In cima, però, c’è Rimini che tocca le 7791 denunce ogni centomila abitanti. Dietro di lì ecco apparire Milano, Bologna e Torino.

Il dato confortante, però, è il calo generalizzato di denunce in tutta la Nazione fra 2015 e 2014. Viterbo rimane una provincia piuttosto sicura, anche se la strada per raggiungere i cugini reatini sembra essere ancora lunga.

Banner
Banner
Banner