Bullicame a secco, Delli Iaconi: “forse in questo periodo c’è un prelievo di più acqua dalle Terme dei Papi. Verificheremo”

Bullicame a secco, Delli Iaconi: “forse in questo periodo c’è un prelievo di più acqua dalle Terme dei Papi. Verificheremo”

"A breve sicuramente capiremo da dove proviene questo prelievo eccessivo e agiremo". Delli Iaconi poi parla del bando per le Ex Terme Inps: "ora tocca al Consiglio"

ADimensione Font+- Stampa

W1382462799K192639“Forse in questo periodo c’è un prelievo di più acqua dalle Terme dei Papi, comunque si farà presto a scoprire chi sta prendendo più acqua del dovuto”. L’assessore congelato (leggi) al termalismo Antonio Delli Iaconi spiega cosa sta facendo il comune di Viterbo per scoprire e risolvere il problema che ha colpito il Bullicame, rimasto a secco nei giorni scorsi (leggi).

Non si può trattare del Pozzo San Valentino che è otturato. Il professor Pagano – ha proseguito Delli Iaconi – sta lavorando per capire che cosa sia successo. Non possiamo ancora affermare niente di definitivo, forse in questo periodo c’è un prelievo di più acqua dalle Terme dei Papi. Comunque sia, Pagano sta facendo gli accertamenti in tutte le direzioni e a breve sicuramente capiremo da dove proviene questo prelievo eccessivo e agiremo di conseguenza. Non sarà difficile perché il bacino è unico e le uscite autorizzate le conosciamo. Se troveremo un prelievo eccessivo ci saranno delle sanzioni”.

Delli Iaconi poi parla del bando (leggi) per le ex Terme Inps di cui si era parlato e che poi è scomparso. “Lo abbiamo predisposto – ha spiegato – ora dovrà approvarlo il Consiglio comunale. La nostra preoccupazione è che non sarà facile trovare investitori per questo abbiamo lasciato l’opportunità di presentare diverse proposte a chi parteciperà”.