Bonori replica a Zingaretti: “Non voglio svendere Talete”

Bonori replica a Zingaretti: “Non voglio svendere Talete”

Il neo presidente di Talete non l'ha bevuta proprio di gusto l'affermazione di Zingaretti sulla gestione unica della rete idrica della Regione Lazio. Ed ecco che è servita la replica: "Non svendo".

ADimensione Font+- Stampa

bonori“Non ho nessuna intenzione di regalare o svendere Talete”, firmato Stefano Bonori. Il presidente di Talete non ha preso di buon grado le parole pronunciate lo scorso sabato dal governatore della Regione Lazio Nicola Zingaretti sulla gestione dell’acqua.

LEGGI LE DICHIARAZIONI DI ZINGARETTI SUL GESTORE UNICO E ACEA

“Il governatore del Lazio – continua Bonori, in un comunicato inviato alla stampa – durante il talk show organizzato da Panorama a Viterbo avrebbe detto che per la gestione idrica viterbese servono 700milioni che può permettersi solo un colosso privato. Io rispetto le regole e mi rimetto alle decisioni del presidente, ma non ho nessuna intenzione di vendere, tantomeno svendere Talete. E questo vale per le competenze, il personale e tutte le reti che sono state realizzate nel nostro territorio, anche con il contributo dei cittadini che negli anni hanno pagato le bollette.

Anzi, resto convinto che la strada giusta sia il risanamento e il rilancio. Idea che ha chiara il nuovo cda, insediato il 15 settembre scorso e che presenterò ufficialmente all’assemblea degli azionisti entro il mese di novembre. Non posso negare che Talete sia in enormi difficoltà. La strada giusta però non è svendere, ma ripartire seriamente per rilanciare una società che ha competenze per farcela”.