Bilancio, il mal di pancia dei consiglieri per i ritardi nella consegna del Peg

Bilancio, il mal di pancia dei consiglieri per i ritardi nella consegna del Peg

Di cosa si tratta? Semplicemente del bilancio dettagliato, voce per voce, di tutte le entrare e uscite nelle casse del Comune di Viterbo. Solo dal Peg è possibile per un consigliere capire come si muovono i soldi e quindi elaborare e presentare emendamenti.

ADimensione Font+- Stampa

Peg, questa è la parola più gettonata nei corridoi di Palazzo dei Priori in questi giorni. I consiglieri, di maggioranza e opposizione lamentano di non averlo ricevuto in tempo utile. Ieri pomeriggio ancora non era stato inviato ai consiglieri, chiamati già da stamattina ad aprire il confronto e la discussione sul bilancio.

Di cosa si tratta? Semplicemente del bilancio dettagliato, voce per voce, di tutte le entrare e uscite nelle casse del Comune di Viterbo. Solo dal Peg è possibile per un consigliere capire come si muovono i soldi e quindi elaborare e presentare emendamenti. Fino a poche ore fa i consiglieri avevano ricevuto solo una copia del bilancio per macroaree. Un documento quindi impossibile da leggere, capire e interpretare.

Questo ha generato diversi mal di pancia e in qualche modo è il vero motivo per cui il consigliere Pd Marco Volpi ha deciso di astenersi nel voto in commissione. Astensione che di fatto ha determinato la bocciatura del bilancio di previsione 2016 ieri in commissione.