Bigiotti: “Lago di Bolsena, la tutela della sua salute fondamentale per un vero sviluppo turistico del territorio”

Bigiotti: “Lago di Bolsena, la tutela della sua salute fondamentale per un vero sviluppo turistico del territorio”

“Mettere il lago di Bolsena al centro dello sviluppo del territorio della Tuscia e nei pensieri della Regione Lazio. E' questa la chiave per sbloccare una situazione importante per lo sviluppo di buona parte della provincia”. Così Francesco Bigiotti, candidato alle regionali del 4 marzo con Lista Civica Zingaretti Presidente.

ADimensione Font+- Stampa

“Mettere il lago di Bolsena al centro dello sviluppo del territorio della Tuscia e nei pensieri della Regione Lazio. E’ questa la chiave per sbloccare una situazione importante per lo sviluppo di buona parte della provincia”. Così Francesco Bigiotti, candidato alle elezioni regionali del 4 marzo con Lista Civica Zingaretti Presidente.

Bigiotti ha trascorso diverso tempo, in queste settimane, nei paesi del lago. Lo ha fatto incontrando le persone, in maniera semplice. Ha parlato con i pescatori, con i negozianti, con i ristoratori e i titolari di strutture ricettive. “Il primo tema serio, da affrontare subito, è quello della tutela del lago dal punto di vista ambientale. Ci sono criticità incancrenite per decenni a cui dobbiamo immaginare nuove soluzioni. Oggi le conoscenze, la tecnica ci permettono di intervenire in modi e maniere funzionali e con tempi ragionevoli. Mi candido alla Regione Lazio mettendo questo tra gli obiettivi principali da centrare”.

“Un lago pulito – continua Bigiotti – e in salute è il requisito fondamentale per costruire un sempre più solido sviluppo turistico e per alimentare al meglio l’economia di questa parte fondamentale di provincia. C’è tanto da lavorare e mettere a sistema ma non possiamo perdere ancora tempo. Chiedo a chi ha a cuore il lago di Bolsena di sostenere con forza la mia candidatura. Non è la candidatura di un solo uomo ma quella di un’intera comunità che crede nelle potenzialità di una terra che ha tanto da raccontare”.

Decarta racconta la Tuscia