Banca delle terre, a Viterbo disponibili 297 ettari

Banca delle terre, a Viterbo disponibili 297 ettari

Lo annuncia Coldiretti: da martedì scorso anche gli imprenditori agricoli di Roma e del Lazio possono accedere alla Banca nazionale delle terre e presentare manifestazioni di interesse all’acquisto.

ADimensione Font+- Stampa

Terreni incolti, abbandonati che adesso possono essere rimessi in produzione da chi è già titolare di azienda agricola e da chi – i giovani, in particolare – vuole investire per avviarne di nuove.

I terreni, messi a disposizione da Regione, province ed enti locali, sono elencati sul sito di Ismea, ente incaricato della gestione operativa della Banca che periodicamente aggiornerà la lista delle disponibilità con l’aggiunta degli altri fondi che nel tempo, liberati da ogni gravame contrattuale, saranno offerti agli imprenditori intenzionati ad implementare la produzione aziendale.

Ad oggi, nel Lazio, la disponibilità maggiore si registra a Viterbo, dove sono censiti 7 terreni per una estensione complessiva di 297 ettari. Una grande opportunità di crescita e di investimento, soprattutto da parte dei giovani agricoltori ai quali è concessa anche l’agevolazione del pagamento rateale.

La scadenza per presentare le manifestazioni di interesse all’acquisto è fissata al 3 febbraio.