Balneum Regis: “Ecco i “terribili” Monaldeschi della Cervara”

Balneum Regis: “Ecco i “terribili” Monaldeschi della Cervara”

Un approfondimento sull'importanza del Medioevo con particolare attenzione agli avvenimenti accaduti a Bagnoregio, alla dominazione della famiglia dei Monaldeschi della Cervara e della sua fine nel territorio bagnorese. Luca Pesante, bagnorese d'origine, è un archeologo medievista specializzato nello studio della ceramica medioevale. Collabora con la rivista Medioevo.

ADimensione Font+- Stampa

I “terribili” Monaldeschi della Cervara al centro di un nuovo incontro sul Medioevo a Bagnoregio. Appuntamento sabato 6 maggio – ore 17,30, presso la Casa del Vento (Corso Mazzini 85) – con lo storico Luca Pesante e la partecipazione di Giancarlo Baciarello, teologo e medievista.

Un approfondimento sull’importanza del Medioevo con particolare attenzione agli avvenimenti accaduti a Bagnoregio, alla dominazione della famiglia dei Monaldeschi della Cervara e della sua fine nel territorio bagnorese.
Luca Pesante, bagnorese d’origine, è un archeologo medievista specializzato nello studio della ceramica medioevale. Collabora con la rivista Medioevo.

Continua così il lavoro dell’associazione Balneum Regis, con il patrocinio del Comune di Bagnoregio, che lo scorso mese ha ospitato per un interessante incontro il doppiatore di Robb Stark (Trono di Spade) Edoardo Stoppacciaro. Balneum Regis è nata all’interno de La Casa del Vento, affidata dal Comune a Juppiter anche con l’obiettivo di incubare progetti e idee dal basso.

L’associazione, costituita da un gruppo di persone residenti nella Teverina, nasce con l’intento di valorizzare il territorio attraverso la riscoperta della propria storia, con particolare attenzione al periodo del Medioevo e Rinascimento.

Il gruppo si propone di organizzare con centro in Bagnoregio ma con confini estesi all’intera area del Viterbese rievocazioni storiche, feste tematiche, convegni, mostre, pubblicazioni e quanto utile a riaccendere interesse sui periodi storici del passato. Il tutto al fine di attivare meccanismi di coinvolgimento della popolazione, in particolar modo dei giovani, in maniera da stimolare un senso di appartenenza nella riscoperta delle proprie radici.
Obiettivo dell’associazione è inoltre attivare percorsi utili alla valorizzazione di determinate professionalità e al tempo stesso stimolare la nascita di nuove.