Bagno di folla per Matteo Salvini, da piazza Verdi a quella del Comune in centinaia intorno al leader leghista (le foto)

Bagno di folla per Matteo Salvini, da piazza Verdi a quella del Comune in centinaia intorno al leader leghista (le foto)

Un bagno di folla. Matteo Salvini, leader della Lega e della coalizione di centrodestra, è stato accolto così a Viterbo. Politico, personaggio. Per le strade di Viterbo e in piazza tanti elettori della Lega, che a Viterbo ha incassato un consenso pari al 20,20%, ma anche curiosi in cerca di qualche scatto e di vedere da vicino una persona famosa.

ADimensione Font+- Stampa

Un bagno di folla. Matteo Salvini, leader della Lega e della coalizione di centrodestra, è stato accolto così a Viterbo. Politico, personaggio. Per le strade di Viterbo e in piazza tanti elettori della Lega, che a Viterbo ha incassato un consenso pari al 20,20%, ma anche curiosi in cerca di qualche scatto e di vedere da vicino una persona famosa.

Quando Salvini arriva a piazza Verdi, per il taglio del nastro alla nuova sede della Lega, c’è tanta gente ad aspettarlo. Applausi a scroscio. La sicurezza fatica a tenere le persone fuori dall’ampio locale. Non c’è spazio per tutti e il rischio calca è altissimo. Salvini li tranquillizza e promette che impiegherà trenta secondi. Giusto il tempo di una foto con i dirigenti locali del partito, di rispondere a tre domande e di scambiare un paio di battute con il padre della Lega viterbese: Umberto Fusco, oggi senatore.

Salvini fatica a uscire. Richieste di selfie, autografi, strette di mano, baci. Tutto il tragitto da piazza Verdi al palco montato in piazza del Comune è un bagno di folla. Una nuvola di centinaia di persone, almeno cinquecento lo accompagna, passo passo, lungo la strada. Il leader fatica ad andare avanti, Digos e uomini della sua sicurezza gli aprono il varco. 

Una signora anziana riesce a fermare tutto. Gli dice due parole, lui ricambia con una carezza e si riparte. Fuma una sigaretta, parla al telefono. Intorno è una bolgia di acclamazioni. “Sembra come quando passa la Macchina di Santa Rosa”, commentano in tanti. In effetti la sensazione è un po’ quella.

Il circo stampa, presenti anche giornalisti nazionali (da Rai a La7), segue il tutto. Fotografie, tentativi di strappare qualche dichiarazione. Salvini parla da futuro presidente del Consiglio, anche se la partita del governo è parecchio complicata. 

In piazza del Comune non c’è il tutto esaurito ma la piazza, considerando l’ora e i tre gradi terribili di umidità, è suggestivamente piena.