«Avremmo voluto che la Zucchi fosse più vicina al gruppo..»

«Avremmo voluto che la Zucchi fosse più vicina al gruppo..»

Taborri fonderà il gruppo del Nuovo Centrodestra in consiglio comunale, ma rimarrà in maggioranza. Ne abbiamo parlato con il consigliere Sergio Insogna che ha anche parlato dei due assessori in quota Oltre Le Mura.

ADimensione Font+- Stampa

Taborri se ne va, ma fa il passo a metà. Il consigliere di Oltre Le Mura, ha infatti annunciato questa mattina che da domani fonderà il gruppo del Nuovo Centrodestra in consiglio comunale, ma rimarrà in maggioranza. Ne abbiamo parlato con il consigliere Sergio Insogna, suo collega a Palazzo dei Priori, che ha anche parlato dei due assessori in quota Oltre Le Mura, Raffaella Saraconi e Alessandra Zucchi.

 

Insogna, che succede dentro Oltre le Mura?

Ci sono dei colleghi (Taborri, ndr) che in maniera chiara hanno delineato un percorso diverso, ci sono delle scelte personali che vanno rispettate. Noi comunque siamo presenti abbiamo sempre sostenuto questa maggioranza e questo sindaco. Siamo sempre stati corretti”.

 

Nel Nuovo Centrodestra chi ci passa, oltre Taborri?

“Nessuno, che io sappia”.

 

Come lavora Oltre Le Mura?

“Abbiamo cercato di migliorare le cose. Abbiamo cercato di lavorare per la città. Tutti, ognuno per le sue deleghe”.

 

Anche gli assessori? Quale è il giudizio su Raffaella Saraconi?

“Si sta impegnando e sta lavorando molto”.

 

Molto o bene?

“Bè, quando entri in una situazione disastrosa non è semplice lavorare. È difficile far vedere subito i risultati. Non è semplice cambiare rotta in un sistema che è stato gestito diversamente per anni. Ma sta cercando di farlo. Ci vuole tempo”.

 

E Sandra Zucchi?

“Le facciamo tanti auguri per la maternità”

 

Che siate scontenti del suo lavoro non è un mistero…

“Il nostro è un problema di visibilità del gruppo, ma è il sindaco che deve decidere sulla validità del lavoro svolto dai suoi assessori. Per quanto ci riguarda, però, avremmo preferito che fosse più vicina al gruppo. Questo è vero”.

 

Un voto?

“Un 6 politico”

 

Alla Saraconi, un 6 di merito?

“Risultati 8, Impegno 9”.