Aumenta l’attenzione su Urcionio e Freddano: in arrivo un’interrogazione parlamentare di Bernini

Aumenta l’attenzione su Urcionio e Freddano: in arrivo un’interrogazione parlamentare di Bernini

I liquami, schiumosi e scuri, si troverebbero a valle del depuratore e starebbero camminando, come è naturale, verso l’Urcionio. Il ritmo è molto lento, ma se non si dovesse intervenire, il tutto potrebbe finire in mare.

ADimensione Font+- Stampa

Cresce l’attenzione per la macchia nera che ha infestato l’Urcionio a Castel d’Asso scoperta e denunciata la scorsa settimana da Viterbo Civica (qui). Il sopralluogo effettuato nel fine settimana dal deputato del Movimento 5 Stelle Massimiliano Bernini (qui), potrebbe culminare in queste ore addirittura in una interrogazione parlamentare, mentre anche a Viterbo iniziano i primi sopralluoghi di consiglieri comunali e presto potrebbero arrivare quelli dei consiglieri regionali. Oltre a Gianluca De Dominicis, che aveva accompagnato Bernini, anche la consigliera del Pd Melissa Mongiardo si è recata sul luogo, testimoniando su Facebook la sua preoccupazione: “Sono voluta andare a vedere di persona quanto raccontato dalle cronache di questi giorni. È allarmante”. Nessuna parola ufficiale invece è stata ancora spesa dall’amministrazione comunale.

Il Freddano è un piccolo fosso che confluisce sull’Urcionio che a sua volta sversa sul Tirreno a pochi passi da Tarquinia Lido. I liquami, schiumosi e scuri, si troverebbero a valle del depuratore e starebbero camminando, come è naturale, verso l’Urcionio. Il ritmo è molto lento, ma se non si dovesse intervenire, il tutto potrebbe finire in mare.

Decarta racconta la Tuscia