Attacco al Plus, “solidarietà a chi cerca di cambiare Viterbo”

Attacco al Plus, “solidarietà a chi cerca di cambiare Viterbo”

I popolari del Pd esprimono la loro solidarietà all'assessore Ricci e a chi cerca di dare un nuovo volto alla città

ADimensione Font+- Stampa

“Di fronte all’ennesimo atto intimidatorio nei riguardi delle scelte della giunta Michelini e dell’assessore Ricci, esprimiamo la nostra solidarietà e la nostra condivisione per lo sforzo di cambiare Viterbo, modificando la mobilità urbana in totale discontinuità con il passato e come previsto nel programma elettorale”. Sono le parole di Aldo Fabbrini, Daniela Bizzarri, Martina Minchella, Christian Scorsi e Augusto Boco all’indomani dell’ennesimo atto vandalico verso il progetto Plus.

“Spiace che nel susseguirsi di atti intimidatori, telefonate anonime e minacce ci sia chi invece di esprimere solidarietà e condivisione accentua polemiche e distinguo, alimentando un clima che isola chi concretamente opera per il cambiamento. Ha ragione Ricci, finalmente si cambia musica e mentalità a Viterbo e per questo ci si scontra con chi vuole conservare lo status quo, la non condivisione e l’esasperazione dei toni da parte di chi queste battaglie a parole ha sempre sostenuto e ora nella fase di attuazione si defila. Il cambiamento fa paura, – concludono – noi siamo con chi vuole cambiare, con chi vuole una mobilità e una città a misura d’uomo”.