Assestamento di bilancio, scoppia di nuovo il caso Cev

Assestamento di bilancio, scoppia di nuovo il caso Cev

All'orizzonte nuovi problemi per la maggioranza di Leonardo Michelini. L'assestamento di bilancio ha servito un nuovo colpo di scena: sono stati inseriti i 900mila euro di risarcimenti Cev. Che destino politico per Maurizio Tofani e Francesco Moltoni?

ADimensione Font+- Stampa

consiglioooL’assestamento di bilancio rischia di cappottare di nuovo gli animi all’interno della maggioranza di Leonardo Michelini. In questi ultimi giorni sembrava quasi tornata la calma, anche se a un occhio più attento poteva risultare palese che fosse una tregua apparente. O, per dirla in termini più poetici, la classica quiete prima della tempesta. La novità che in pochi si aspettavano si è materializzata stamattina durante la discussione in commissione.

Sul bilancio di previsione compare in entrata la voce “sentenza Cev”. In soldoni si tratta dei 900mila euro che la Corte dei Conti ha condannato a risarcire al Comune di Viterbo agli amministratori dell’era Gabbianelli. Tra loro anche gli attuali consiglieri di Oltre le mura Maurizio Tofani e Francesco Moltoni. Entrambi sono stati chiamati a risarcire la bellezza di 80mila euro.

Inserire questa voce nel bilancio di previsione comporta per il Comune il dover inviare gli atti di pagamento a tutti, compresi Moltoni e Tofani. A questo punto la loro situazione si complica. O pagano e restano in consiglio, oppure si apre un contenzioso col Comune. La situazione in verità è molto fluida e talmente complicata, che risulta difficile capire dove andrà a parare.

Di fatto si tratta di una bella tegolata sulla testa dei due consiglieri, che giusto un pugno di giorni fa erano stati additati come fonte d’imbarazzo dal segretario dell’unione comunale del Pd Stefano Calcagnini. Proprio per questa vicenda pendente legata alla condanna sulla vicenda Cev.

Già questa mattina in commissione è stato palpabile l’imbarazzo di Maurizio Tofani al momento del voto. Di fatto si è assentato e non ha partecipato, per poi tornare subito dopo. Fuori Viterbo invece Francesco Moltoni. I due, con ogni probabilità, non parteciperanno neppure al consiglio comunale di domani pomeriggio.

Altro tasto dolente emerso dalla discussione dell’assestamento di bilancio è legato alla vicenda del sostegno alla Lis. Marco Ciorba, anche lui consigliere di Oltre le mura, aveva chiesto che venisse rispettata la cifra dei 10mila euro. All’interno del documento continuano a figurarne 5mila. L’assestamento di bilancio è stato approvato in commissione con il voto della maggioranza, voto contro per le opposizioni. La palla al consiglio, ma il vero elemento rischia di essere il nuovo terremoto politico che sembra prossimo a scatenarsi sull’amministrazione.