Aspettando la Pasqua iniziano le degustazioni alla chiesa di S.Egidio

Aspettando la Pasqua iniziano le degustazioni alla chiesa di S.Egidio

Presentata ufficialmente la sesta edizione di "Degustando la Pasqua" organizzata dall'associazione "Il Rito dei Sapori" con Confartigianato e Facciamo Centro

ADimensione Font+- Stampa

Pizze di pasqua, colombe e tutti i prodotti tipici della tradizione pasquale arrivano con anticipo nella Tuscia. Senza aspettare il 27 marzo, la Pasqua, a partire dall’11 e fino al 13 nella chiesa di Sant’Egidio si svolgerà “Degustando la Pasqua”, la rassegna gastronomica ormai giunta alla sesta edizione organizzata da Angelo Proietti Palombi con il patrocinio di Confartigianato Viterbo e la collaborazione dell’associazione Facciamo Centro.

Scopo dell’evento secondo il segretario di Confarigianato, Andrea De Simone, è anche quello di valorizzare di più il centro storico e le sue attività, che hanno sofferto a causa di politiche sbagliate. Per questo, grazie alla sinergia con Facciamo Centro, alcuni negozianti hanno abbracciato l’iniziativa e rimarranno aperti durante la giornata di domenica 13, mentre sabato per le vie del centro storico sfilerà la banda musicale e gli sbandieratori.

Nello spirito della manifestazioni sono arrivati anche alcuni ristoratori del capoluogo, che durante il periodo della manifestazione e fino a Pasqua proporranno delle ricette classiche di questo periodo dell’anno: cotolette d’abbacchio, ravioli d’agnello al timo, capomazzi con patate e carciofi. Piatti tipici della Pasqua, ma anche della Tuscia, che ritrova le sue tradizioni culinarie e le espone al grande pubblico.

Presente alla conferenza di presentazione anche Felice Arletti, che rappresenta l’associazione “Il Rito dei Sapori” che si occuperà dell’organizzazione dell’evento. Arletti spiega che il progetto mira alla promozione dell’agroalimentare viterbese e alla diffusione dei prodotti tipici della zona. In questo senso, infatti, l’associazione ha già presentato una serie di cene conviviali con al centro quegli stessi prodotti tipici di cui la Tuscia va fiera e che ora proseguiranno grazie alla collaborazione con cinque ristoranti del centro.

L’inaugurazione dell’evento sarà alle 11 di venerdì 11 alla chiesa di Sant’Egidio, per poi proseguire sabato e domenica con tanti incontro per grandi e piccoli. Domenica 13, inoltre, un particolare workshop sulla pizza di Pasqua, con tanto di dimostrazione delle donne di Bagnaia. Nella chiesa saranno esposti prodotti enogastronomici locali e sarà aperta per tutti e tre i giorni della manifestazione dalle 10 alle 20 con ingresso gratuito.

Decarta racconta la Tuscia