Ascensori di Valle Faul chiusi dalle 20,30, Sberna (FI): “Assurdo, presenterò un’interrogazione”

Ascensori di Valle Faul chiusi dalle 20,30, Sberna (FI): “Assurdo, presenterò un’interrogazione”

Gli ascensori di Valle Faul, quelli costati milioni di euro ai cittadini, chiusi dalle 20,30. Un fatto che sta generando "storcimenti" di bocca e "sgrullate" di testa da parte dei tanti che magari si sono trovati a Valle Faul nella convinzione di potersi avvalere del servizio e invece sono rimasti stoppati.

ADimensione Font+- Stampa

 

Gli ascensori di Valle Faul, quelli costati milioni di euro ai cittadini, chiusi dalle 20,30. Un fatto che sta generando “storcimenti” di bocca e “sgrullate” di testa da parte dei tanti che magari si sono trovati a Valle Faul nella convinzione di potersi avvalere del servizio e invece sono rimasti stoppati.

“Presenterò una interrogazione in consiglio comunale per capire le ragioni della scelta di fissare alle 20,30 la chiusura serale degli ascensori che collegano la Valle di Faul al centro storico”. Così è intervenuta, mettendo la questione al centro del dibattito cittadino, la consigliera Antonella Sberna.

“Raccolgo le lamentele di tantissimi cittadini e turisti che si vedono costretti a parcheggiare a Valle Faul e fare tutto il percorso a piedi per accedere al centro storico e poi tornare nello stesso modo – continua Sberna -. Una infrastruttura così attesa dalla città, e che la precedente amministrazione di centrodestra ha lasciato in eredità, avrebbe dovuto essere resa molto più efficiente e funzionale, oltre a rappresentare un investimento importante per la tanto blasonata valorizzazione turistica. Invece, rischia di essere una opportunità mancata”.

“Ad oggi, non solo non si è risolto il problema del traffico visto che molte persone continuano ad andare in centro con la macchina, ma soprattutto in molti sono dissuasi dal passeggiare per le vie del centro perché non possono usare l’ascensore che invece è comodissimo. Con una ricaduta non indifferente che va tenuta in considerazione, per gli esercenti commerciali o i gestori dei locali che registrano, ovviamente, meno affluenza di passanti.

Nell’interrogazione – conclude il consigliere – chiederò risposte chiare su questa che non mi sembra una gestione ottimale per lo sviluppo e il rilancio turistico della città, di cui l’amministrazione Michelini si vanta tanto, anche in vista dell’imminente bella stagione”.