Arrivano i migranti in via Bianchi, tra gli operatori anche la Fondazione Caffeina

Arrivano i migranti in via Bianchi, tra gli operatori anche la Fondazione Caffeina

Arrivano i migranti in via Bianchi, tra i gestori anche la Fondazione Caffeina. Insomma in città tutti sono contrari all’accoglienza in massa nel centro di accoglienza straordinario, tranne pochi.

ADimensione Font+- Stampa

Arrivano i migranti in via Bianchi, tra gli operatori anche la Fondazione Caffeina. Insomma in città tutti sono contrari all’accoglienza in massa nel centro di accoglienza straordinario, tranne pochi. Tra questi la cooperativa che gestirà i flussi dei migranti, per lo più donne e bambini, e la Fondazione Caffeina. La notizia trova conferma nelle dichiarazioni a Il Messaggero di Andrea Baffo, presidente della Fondazione, che ha confermato che Caffeina garantirà alcuni servizi, dall’assistenza culturale e linguistica, all’informativa sull’immigrazione e il sostegno socio psicologico. I migranti sono arrivati il 7 ottobre scorso, come anticipato da La Fune la scorsa settimana.

La vicenda ha messo sul piede di guerra anche alcune famiglie degli studenti della scuola di via Bianchi. Altri invece hanno organizzato un incontro per mercoledì pomeriggio proprio per affrontare il tema.

Da un paio di settimane la vicenda ha creato uno scontro politico senza pari e una campagna contro l’immigrazione molto dura da parte di parte della destra viterbese, che si è schierata per il no senza se e senza ma. Non chiare quali possano essere le alternative proposte però da chi osteggia l’arrivo dei migranti.

Polemiche anche nel mondo dell’associazionismo, con Arci che ha spiegato che l’accoglienza in grandi strutture e non diffusa sul territorio, in appartamento, è un rischio per la pace sociale e per l’integrazione. Oltre che lesiva della dignità degli ospitati.