Arrivano i cinesi. Oggi una delegazione a Palazzo dei Priori, sono interessati alle terme

Arrivano i cinesi. Oggi una delegazione a Palazzo dei Priori, sono interessati alle terme

Un'importante delegazione cinese a Viterbo. Un'operazione legata a Expo 2015, che porta oggi i rappresentanti di una delle più importanti città della Cina a scoprire le bellezze del capoluogo della Tuscia.

ADimensione Font+- Stampa

barelliArrivano i cinesi. Per oggi attesa la venuta di una delegazione a Palazzo dei Priori. Tutti in rappresentanza di Tianjin, nome che non dirà niente ai nostri lettori e che per questo va quantificato. Stiamo parlando della quarta città della Cina, 14 milioni di abitanti, una potenza economica da sogno, due università e un quartiere italiano figlio del colonialismo impegnato a combattere la rivoluzione dei boxer.

LEGGI QUALCOSA SU TIANJIN

Saranno accolti, con tutti gli onori, dal sindaco Leonardo Michelini e dall’assessore a Expo 2015 Giacomo Barelli. Sì, perché la visita è legata proprio all’esposizione internazionale di Milano. Una grossa occasione per allacciare rapporti e aprirsi al mondo. Un’occasione d’oro servita sul tavolo strategico di Michelini che dell’andare oltre le mura ne ha fatto un motto preciso in campagna elettorale.

La delegazione, composta dal vicesindaco della cittadina orientale più altri funzionari, sarà guidata alla scoperta delle bellezze e delle ricchezze più caratteristiche del capoluogo della Tuscia. L’incontro prevede visita della città e dei suoi monumenti più significativi, presentazione delle eccellenze alimentari del territorio e delle ricerche Unitus.

Da sottolineare un particolare interesse mostrato dai nipoti di Mao per il termalismo viterbese. L’incontro è figlio della decisione della Regione Lazio di indicare Viterbo come città da far visitare ai cinesi in Italia per Expo, dopo Roma. E’ figlia anche dell’attività diplomatica messa in piedi da Barelli, che ha portato fino a oggi a tutta una serie di incontro bilaterali con: Russia, Repubblica dell’Angola, Cile, Senegal, Tunisia e Zimbawe.