Arena come Treta: “Difficile alleanza con gli antieuropeisti”

Arena come Treta: “Difficile alleanza con gli antieuropeisti”

Poi critica la scelta di Giulio Marini a capogruppo. “Queste decisioni, di solito, si prendevano confrontandosi con gli organi del partito”.

ADimensione Font+- Stampa

Giovanni Arena spiazza il centrodestra, attacca la nomina a capogruppo di Giulio Marini e benedice indirettamente un’alleanza centrista. L’ex assessore azzurro ha ribadito quanto già detto da Livio Treta, di Moderati e Riformisti: la centralità delle posizioni a livello nazionale ed europeo anche nella gestione delle alleanze locali. “Il nostro riferimento sono il Ppe e Antonio Tajani”, dice riferendosi a possibili alleanze con i sovranisti di Fratelli d’Italia e Lega Nord. “Parlare di partito unico del centrodestra con realtà che hanno fatto dell’antieuropeismo la loro bandiera – aggiunge – ritengo sia cosa difficile”.

Arena è tiepido anche nei confronti dell’ipotesi primarie “non sono abiutali nella nostra area e nel centrosinistra non hanno dando grandi risultati”, dice riferendosi all’esperienza di Ignazio Marino a Roma.

Infine critica la scelta di Giulio Marini a capogruppo. “Queste decisioni, di solito, si prendevano confrontandosi con gli organi del partito”. Secca la replica di Giulio Marini che ha affermato di aver concordato proprio con Antonella Sberna, l’unica reduce nel gruppo di Forza Italia insieme all’ex sindaco, la nomina a capogruppo.

Banner
Banner
Banner