Antoniozzi corregge Tusciaweb: «QdA parecchie spanne sopra al TOF, Zingaretti ha fatto bene»

Antoniozzi corregge Tusciaweb: «QdA parecchie spanne sopra al TOF, Zingaretti ha fatto bene»

Alfonso Antoniozzi, il cantante lirico eccellenza viterbese, già ospite del Tof ed editorialista di Tusciaweb, interviene in difesa del festival diretto da Gian Maria Cervo attaccato proprio da Tusciaweb, il giornale media partner di Caffeina e Tuscia Operafestival.

ADimensione Font+- Stampa

“Quartieri dell’Arte? Sta parecchie spanne sopra al Tuscia Operafestival. PARECCHIE”. Alfonso Antoniozzi, il cantante lirico eccellenza viterbese, già ospite del Tof ed editorialista di Tusciaweb, interviene in difesa del festival diretto da Gian Maria Cervo attaccato proprio da Tusciaweb, il giornale media partner di Caffeina e Tuscia Operafestival.

Antoniozzi, che proprio Tusciaweb aveva citato tra i grandi nomi valorizzati dal festival diretto da Stefano Vignati (il TOF), su Facebook è intervenuto in merito alla zuffa che si è creata tra le iniziative culturali in seguito alla lettera aperta del noto quotidiano indirizzata al presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti nella quale Carlo Galeotti aveva bollato Quartieri dell’Arte (e Ferento) come una iniziativa di scarsa rilevanza.

“Quartieri dell’Arte – ha scritto Antoniozzi – è un festival internazionale che apre alla sperimentazione e spalanca una finestra sulla drammaturgia contemporanea. Nella mia personale scala di valori, che non pretendo sia applicata anche da altri, sta di parecchie spanne sopra il Tuscia Operafestival. Di PARECCHIE spanne. Questo per dire che non mi sorprende che la Regione abbia sostenuto l’uno e segato l’altro, in tempi di crisi. Avrei fatto lo stesso senza versare una lacrima, fossi stato al posto di Zingaretti”.

 

Schermata 2014-06-25 a 11.24.57