Andrea Alessi colpisce ancora e porta il pubblico a cena nel Museo d’Acquapendente

Andrea Alessi colpisce ancora e porta il pubblico a cena nel Museo d’Acquapendente

C'è del genio ad Acquapendente, ma questo ai lettori de La Fune è noto già da un po' di tempo. Era la metà di ottobre di un anno fa quanto abbiamo dato una buona notizia. Miracolo ad Acquapendente, Andrea Alessi fa risorgere il Museo della Città, questo il titolo allora scelto.

ADimensione Font+- Stampa

C’è del genio ad Acquapendente, ma questo ai lettori de La Fune è noto già da un po’ di tempo. Era la metà di ottobre di un anno fa quanto abbiamo dato una buona notizia. Miracolo ad Acquapendente, Andrea Alessi fa risorgere il Museo della Città, questo il titolo allora scelto.

E a distanza di 13 mesi Alessi, che intanto di nuove avventure nei panni di direttore ne ha macinate, torna a stupire. Venerdì 15 dicembre, segnare in agenda please!, è il giorno de ‘La Bellezza Svelata’. Il Museo civico e diocesano della città di Acquapendente apre a una mostra importante, mettendo al centro opere rimesse in sesto dai laboratori di restauro di Acquapendente e Viterbo.

Ma non è solo la dimensione artistica a fare la differenza. Alessi, da bravo direttore, ci mette dentro marketing aziendale di visione: la cena nelle sale del Museo. Così l’evento del 15 risulta composto da: ore 17,30 inaugurazione mostra; 19.30 aperitivo; 20,30 cena.

E alla grande qualità ed eleganza dell’idea si somma una scelta azzeccata anche nella scelta di chi metterà in essere la cena stessa: La Parolina. Il menù suona così: Uovo in carbonara dry Crema di ceci, castagne e spuma di scalogna; Cappelletti con sugo di arrosto Reale di vitello Broccoletti e alici; Rocher al frutto della passione e mascarpone. L’inaugurazione sarà accompagnata da momenti musicali e dalla voce della solista Luisella Capoccia.

Ad Acquapendente c’è chi ha visione delle cose. Questo è un bel segnale per tutto il territorio. Andate e mangiatene tutti. Per un’esperienza unica che ridisegna la percezione delle realtà museali e le porta al centro dell’immaginario delle persone.