Anche ai viterbesi piace camminare

Anche ai viterbesi piace camminare

Successo per le iniziative della Proloco di Viterbo e del Fai. Pienone per le passeggiate alla scoperta di arte, cultura e storia tra Viterbo e Vignanello.

ADimensione Font+- Stampa

Una giornata di sole, caldo e di passeggio. A Viterbo, grazie alla Pro Loco e al Fai, si è riscoperto oggi il fascino della passeggiata e dell’utilità di tenere i telefoni in tasca e guardarsi intorno.

Due gli appuntamenti che oggi hanno portato sulle strade e i sentieri della Tuscia più di cento persone. Due eventi distinti capaci, ognuno a suo modo, di riportare alla mente e alla luce percorsi artistici e storici quasi dimenticati.

Da un lato la proloco di Viterbo che, con la collaborazione di quella di Vignanello e del comitato di santa Giacinta Marescotti, ha portato alla scoperta (a ritroso) del tracciato intrapreso dalla co-patrona di Viterbo (sì, lo è), tra Vignanello e Viterbo, con chiusura nello splendido Castello Ruspoli aperto al pubblico per l’occasione.

 

la camminata della Proloco di Viterbo

Dall’altro lato il Fai che con due comitive ha realizzato la sua maratona cittadina. Una passeggiata in compagnia di guide e storici dell’arte che hanno portato i partecipanti a guardarsi intorno nella stessa città e intorno alle stesse mura che difficilmente si conoscono a fondo.

 

la maratona del Fai

 

 

 

 

ps. le foto sono state gentilmente rubate dal sottoscritto dai relativi profili Facebook