All’ex Fiera sono arrivati i container: si prepara il ghetto per i rifugiati?

All’ex Fiera sono arrivati i container: si prepara il ghetto per i rifugiati?

La notizia dell'arrivo dei migranti in quella zona ha creato già malumore: presto il vice prefetto Grillo parlerà con i consiglieri della 4 Commissione del Comune di Viterbo, ma l'impressione è che l'Ufficio del Governo vada dritto per la sua strada.

ADimensione Font+- Stampa

Sono arrivati i container all’ex Fiera di Viterbo: lì la Prefettura sta preparando il ghetto per 60 richiedenti asilo. Nel parcheggio dell’ex fiera, utilizzato per fare il circo fino a qualche anno fa sono arrivati i primi container, o “moduli abitativi” secondo il linguaggio politicamente corretto della Prefettura, che costituiranno il ghetto nel quale dovrebbero arrivare i migranti. Sono circa una decina e per il momento sembrano semplicemente ammassati in un angolo. Non c’è nessuna comunicazione ufficiale ma è probabile che siano i container che faranno parte del campo che nascerà per ospitare i migranti.

Un luogo lontano dalla città, dai servizi, lontano dalla vita che non permetterà nessuna integrazione e farà assomigliare l’ospitalità più a una prigionia che a una vera accoglienza. Un luogo che potrà portare a tensioni sia verso chi vive quei luoghi, lavoratori e imprenditori, che soprattutto chi dovrà vivere dietro quella rete arrugginita.

La notizia dell’arrivo dei migranti in quella zona, lanciata da La Fune, ha creato già malumore: presto il vice prefetto Grillo parlerà con i consiglieri della 4 Commissione del Comune di Viterbo, ma l’impressione è che l’Ufficio del Governo vada dritto per la sua strada. A gestire la struttura sarà la Ospita srl, che ha vinto la gara della Prefettura.

 

 

 

Banner
Banner
Banner