Alessandro Romoli passa a Forza Italia

Alessandro Romoli passa a Forza Italia

Alessandro Romoli passa a Forza Italia. I rumors dei giorni scorsi trovano concretezza in una conferenza stampa ufficiale presso gli spazi della minoranza a Palazzo Gentili, sede della Provincia di Viterbo.

ADimensione Font+- Stampa

Alessandro Romoli passa a Forza Italia. I rumors dei giorni scorsi trovano concretezza in una conferenza stampa ufficiale presso gli spazi della minoranza a Palazzo Gentili, sede della Provincia di Viterbo. Al tavolo Francesco Battistoni, Dario Bacocco e Alessandro Romoli si sono confrontati sulla nuova formazione del centrodestra viterbese con l’entrata nel gruppo di Alessandro Romoli.

“Con soddisfazione faccio questo passaggio politico per una proficua prospettiva futura, soprattutto per chi si riconosce nella buona politica e anche perché so che si può sempre dare un apporto positivo al partito che ha accolto me e il mio lavoro con plauso”, queste le parole di Alessandro Romoli che dalle fila dell’Udc approda a Forza Italia in un momento cruciale in vista delle elezioni del 4 marzo.

“Non è cambiata la mia impostazione politica e morale, che si è formata nel mondo dell’Udc, ma visti i recenti cambiamenti che hanno portato quel mondo a non avere più uno spirito unitario, è maturata in me la
consapevolezza che il contributo dei moderati è fondamentale e in questo momento sono convinto che Forza Italia è l’elemento e il gruppo politico che più rispecchia la mia cultura e la mia formazione”.

Francesco Battistoni rinnova la soddisfazione per questo sodalizio politico e sottolinea che il partito si è sempre più affermato, negli ultimi tempi, come polo attrattivo per il viterbese e che il lavoro fatto finora ha premiato e portato i suoi frutti.

L’obiettivo della squadra che mira con Mauro Rotelli al Collegio Uninominale della Camera e con Battistoni a quello del Senato, è sicuramente quello di vincere, ma anche quellodi affermare con i voti dei cittadini l’autorevolezza del lavoro fatto finora anche lontano dalla campagna elettorale.

“E’ importante prendere anche un voto in più rispetto all’avversario”; chiude Battistoni e rinnova l’augurio di consolidare il lavoro del centrodestra auspicando per tutti un lavoro “gomito a gomito” tra i nuovi e i vecchi membri del partito.