Al MAT arriva un dramma firmato da Tennessee Williams

Al MAT arriva un dramma firmato da Tennessee Williams

Sabato continuano gli spettacoli all'interno della manifestazione promossa dalla Compagnia Tetraedro

ADimensione Font+- Stampa

La Compagna Tetraedro non si ferma e continua il suo percorso lungo la stagione MAT 2016, un denso calendario di appuntamenti fra musica e teatro. Sabato 12 marzo alle 21 un nuovo appuntamento con il teatro contemporaneo, grazie all’associazione culturale 99 di Roma, che porta sul palco Lo Zoo di Vetro, con Stefano Licci, Paola Pulci, Silvia Antonini, Emiliano Conti, per la regia di Rosario Tronnolone.

Lo spettacolo, tratto dall’opera teatrale di Tennessee Williams, è una rievocazione della vita e della fragilità dell’uomo. “Che brutti scherzi fa la memoria!” dice nel secondo atto uno dei personaggi del dramma. Lo diciamo anche noi, a volte, riferendoci al fatto che spesso ciò che crediamo di ricordare nei dettagli è invece mancante di alcuni pezzi, come un puzzle mai finito.

Nel caso di Tennessee Williams la memoria è la via che il dolore sceglie per perpetuarsi, riproporsi all’infinito, in un’incessante rievocazione. I fatti della vita, in particolare della prima giovinezza di Williams, e cioè il suo rapporto con la madre dispotica, con la sorella adorata e troppo fragile, con i propri sensi di colpa per aver abbandonato entrambe nel momento in cui avevano maggiormente bisogno di lui, vengono rievocati dalle parole poetiche e quotidiane, liriche e quiete di questo testo teatrale. Nel simbolo delicato che Williams sceglie per il titolo, la collezione di animaletti trasparenti e leggerissimi che oppongono una resistenza tanto tenue da lasciarsi attraversare dalla luce, si adombra il destino degli esseri umani che procedono indifesi nella vita. Quegli esseri umani dietro i quali, in trasparenza, si vede il bambino che sono stati, irraggiungibili perché troppo soli, fiduciosi nella gentilezza degli estranei, e che un nulla basta a stordire.

La stagione Teatrale/Concertistica del Mat sotto la direzione di Francesco Cerra, nasce con il sostegno di ATCL (Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio), Regione Lazio per la Cultura, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali del Territorio e la collaborazione con Dominio Pubblico, Teatro Argot, Teatro dell’Orologio, Hùrum Teatro, Quattro Note Motrici, All’Improvviso, Storie di Domenica – in collaborazione con Arci, Maninalto, Librimmaginari, Biancovolta, Methaphora, Giardini di Filippo, Il Cosmonauta, La Strada dell’Orto.

Per tutti gli eventi è consigliata la prenotazione: [email protected], [email protected] 368