Al bar de La Fune – “Voi ce fate magnà ‘l fritto? E noi ‘l fritto lo magnamo pè davero!”

Al bar de La Fune – “Voi ce fate magnà ‘l fritto? E noi ‘l fritto lo magnamo pè davero!”

Il bar de La Fune è spesso uno "sfogatoio" per quello che ai due nostri vecchietti succede dentro casa. Così si sono ritrovati seduti a parlare della festa del 15 agosto e di quello che faranno.

ADimensione Font+- Stampa

Il bar de La Fune è spesso uno “sfogatoio” per quello che ai due nostri vecchietti succede dentro casa. Così si sono ritrovati seduti a parlare della festa del 15 agosto e di quello che faranno.

 

– Vardà quell’ò, aggià sei qui?

– Da mò! La mi moje m’ha cacciato, éva da sfulinà stamani… M’è toccato uscì che ‘n c’era più nò stienale pè mettes’a sseda. Le seggiole l’ha rivurticate tutte su li tavolini già da la mattina presto che doppo éva da preparà pè mezzagosto!

– Perché ch’ha da fa ‘l 15?

– E ccò ddà fa? Come tutte l’anne… Se lamenta che n’annamo mae da nessuna parte e io je lo ricordo gn’estate: “‘l quatrine me ll’éte ripulite tutte! ‘n do cazzo vòi annà?”

– E allora?

– E allora je dico che se vònno annà al mare se pija la maghina e annamo a Tarquignia mà la pineta! Què je concedo, giusto perchè è estate! Pijamo ‘l cesto de vimmini, le sdraiucce, ‘l friggidè a portàvvià e s’annamo a magnà dù fette de cocòmmoro sotto la pineta!

– Ma al mare ‘n ce vai proprio? Vojo dì, sulla spiaggia, ‘n ce vae?

– E che cazzo ce vò a ffà? L’ultima vorta ho preso nà pallonata sull’occhiali da ‘n mastietto che giocava a pallone che n’ho visto più gnente pè na settemana, la mi moje me fece ‘n cazziatone davanti a tutti perché m’ero messo a leggia ‘l giornale a sede sul lettino e c’évo ‘n cojone che m’èra uscito dar costume, ‘l mi fijo m’ha detto de guardà ‘l mi nipote che m’ha fatto pure nà scoreggia vestita su nà mano e pè stà corcato tutto ’l giorno m’è preso ‘l colpo de la strega come semo tornati … Mal buco je do! Altro che spiaggia!

– Ah beh, stò mejo io de sicuro! La mi moje chiama fiji, nipoti, nòre, tutti llà ppèll’orto e se magnamo pure ‘l secchio de la colla.

– Ah! Sà che bucio de culo che tocca fatte!

– Ma mica tanto, se damo dà fa ‘n po’ tutti, ognuno porta li giocarelli sua, noi famo le melanzane a là parmiggiana e llè!

– Sentè! Nà cosa fresca d’estate!

– Ma che scherzi? E’ ‘n rito. S’addopramo io e la mi moje! Nà vorta se faceva fa l’amaro a sti melanzani sotto ‘l sale, mò le fanno pure senza semi e senz’amaro. Io je l’empano sopre e sotto còll’ovo e la farina, lei frigge, poi preparamo ‘r sugo de san marzani e poi …

– A daje ggù!

– Ah bone poco! La mejo magnata! Se finiscono pure li fiorellini dè li piatte!

– Nun je la cavate de certo a falle n’acidisse eh?

– Seee spianono tutto come le trebbie! Che c’entra, la mi moje c’ha li capelli doppo che je puzzono de fritto fin’à Natale e io c’ho l’ pommidoro à cascà pure dentro lì mutannoni… Ma c’ha dà fa, è mezzagosto! Poi dù bicchierozzi de vino, dù chiacchere, li nipoti che se rotolano là pèl cortile sotto l’ombra e li pensieri, li preoccupazzioni tutte sotto ‘l tavolino.

– Bravi, così addà essa!

– Hà capito si!

– Altro che politica, ‘l probbleme cò la pala, ‘l quattrine che mancono, tutti a sede! Tutti ‘nsieme e ‘l monno fori.

– Già, magara fosse sempre così.

– E che ccè vole? Voi ce fate magnà ‘l fritto? E noi ‘l fritto lo magnamo pè davero!!

– Tanti auguri quell’ò

– A te! S’arisintimo..

Banner
Banner
Banner