Al bar de La Fune, “Se lo pijamo n’ caffè?”

Al bar de La Fune, “Se lo pijamo n’ caffè?”

In ogni città c'è un bar o più di uno. Ma la cosa interessante sono le chiacchiere che si fanno al bar, quelle di strada. Le chiacchiere della gente comune che non fa tanti voli pindarici e che guarda alla cose con cinismo e rassegnazione. I bar sono un grande termometro per capire gli umori e ogni giornalista che vuole annusare il vento che tira sa che deve immergersi in questi luoghi, almeno ogni tanto. Al bar de La Fune vi raccontiamo cosa dice, nel modo in cui viene detto.

ADimensione Font+- Stampa

In un posto qualsiasi di Viterbo. Due signori, le scarpe ordinarie, i passi corti, i berretti di lana, gli occhiali. Una generazione a confronto replicata nei dettagli. Una mattina quegli occhi si incontrano…

– Vardà!..
– Lovè quell’ò!
– Ahò che piacere.. veni qua, fatt’abbraccià!

– te possin’ammazzatte… e ndov’eri, ‘n t’emo più nteso?
– … tu lo dici a me? Sa quante volte t’ho cercato al barre?
– … e pure tu c’hai raggione.. mò fò ‘l nonno sà..
– … mell’hanno detto.. madò quant’è che ntè vedevo! eccome stai?
– Eh bene, nfosse pè l’acciacche, la stiena e l’mi fijo che me fa ncazzà.. e tu?
– …dimo bene và.. pijo le pasticche pè la pressione, pure quelle pè piscià bbene, però campo benino, daje.
– e n’do vai? Te posso offrì ‘n caffè?
– .. me spiace ma c’ho da fà, dev’annà su al Commune, che m’hanno mannato nà lettera ma n’cho capito gnente…
– e la Madonna e che lettera sarà mae?
– tè, te la fò veda!

– Eh e què è la TARZI, ha dda esse la monnezza.. “
– E che è la monnezza l’ho capito pur’io, ma perché c’è tutto stò papello de robba sotto? e poi li sordi! Ma li vedi li sordi che vonno? Ahò io c’ho la pensione, ho ddà pagà le medicine pè la mi moje.. tant’è funzionasse!
– Evvabbè ma quelli che ne sanno.. seguono le regole, d’artronde li sordi nc’è so, alzano le tasse no? Che poi però, se ce pensi bbene, continuano a arzà le tasse ma mi qui n’ funziona più niente!
– Zitto và, so róscio cóme m billo. M’è venuto a pija l’altro giorno l’ mì fratello che semo annati a fa l’analise del sangue. Era n’po’ che n’uscivo. Nà zozzeria! Tu dovessi vedè che robba.. Le strade, le maghine, le foje, le buche, la gente!
Guarda n’vedevo l’ora de tornà a casa.

Pensa che n’ospedale c’erano li fojetti pè ditte le cose che non funzionavano! Pure dentro l’ascenzore..
– lo so, ce sò stato pur’io. Pè trovà ‘l posto c’ho messo un’ora, l’evano cambiato, era la terza volta in dù anni.
– ma io dico no? Ma possibbile mai che ‘nsemo più boni a fa gnente? L’altro ggiorno passavo ‘nvia Cairoli stavano a tigne li parcheggi cò li nummeri. Dù giorni doppo ‘nc’erano più mezzi. Pori sordi nostri..
Dice c’hanno da fa li parcheggi cò li cartelloni luminosi che te dicono ndò poi annà.
– Questoro? Non me fa dì do’ hanno d’annà.. So diventati come le barzellette, ‘dicono na cosa poi ne fanno n’antra, fanno le promesse e poi n’s e vedono più, dicono che fanno le cose là ‘l comune e arriveno tardi o ‘n ce vanno proprio. Ce vanno solo quanno li capi je dicono d’annacce. D’artronde li capi je danno l’altolà, “chi arza culo perde posto” je dicono..

– Ah mbè pensa che il massimo l’emo raggiunto cò quello alto, quello de Caffeina. Dice che n’ce và manco più! fa come ‘l vino che mutava a marzo. Prima te fa veda li palloncini poi gioca a scumparì.
– Ma perché quell’altri? So bboni tutti so.. Se li stai a sentì c’hanno tutti raggione. E na vorta quello e n’antra volta quell’altro. C’hanno tutti raggione e le cose vanno sempre peggio.
– zitto và, e pensà che se potrebbero portà li fiji a raccontaje la storia ne li posti ‘ndov’è successa, se potrebbero educà come se c’avessero ‘n patrimonio, perché ce l’emo sa, mica no? Ce l’emo eccome. Voi mette? C’emo le cose e nu ll’addopramo.. so tutte sotto le complicazioni di chi vole vvénne all’amichi loro.
– Avoja, questoro so anni che chiaccherano e la città è diventata na stia. Se fanno le boccacce fra de loro e qui semo peggio dell’africani. Na volta se passeggiava, se stava bene, non se scialava ma se stava bene, annavi a pijà ‘l fresco a prato giardino, abbenanche facevi dù passi, potevi annà al cinema, potevi annà a teatro..
Mò a ffanculo a vitorchiano tocc’annà pè vede ‘n filme. Tocca fasse abbenedì!

– Ma perché ‘nte ricordi de quanno se poteva girà c’erano li negozzi, incontravi gente. L’altro giorno so passato a via Saffi.. me veniva da piagne..
Dice che na bbottija d’òjo che ccasca pòrta disgràzzia, una de vino è allegria, qui me pare a vedè che s’è rotto pure ‘l frantoio cò tutto ‘l ciborio.
Se potrebbero mannà tutti a casa sti zuccaroni che vonno la poltrona e magari mettece la gente che je vole bene a stà città. Perché questoro non sanno più che è la vergogna.
– dici bene tu..
– perché dico bene io?
– perché metà de Viterbo conosce almeno uno de sti zuccaroni. E sti zuccaroni conoscono li modi pè tenè pe le [email protected] l’antra metà de Viterbo. E tutti stanno zitti. C’hanno tutti da perde, c’hanno tutti da sperà …
– …
– …
– Già!
– Già..
– Sà che te dico? ‘l caffè se lo pijamo la prossima volta eh?
– Vabbè famo così, daje..
– Ciao
– Ciao..