Al bar de La Fune – “Sarebbe bello Pratogiardino e basta, senza rota, ma com’era prima”

Al bar de La Fune – “Sarebbe bello Pratogiardino e basta, senza rota, ma com’era prima”

Settimana ricca di avvenimenti e di cose più o meno serie. Al bar de La Fune si parla di tutto, meglio: ne parlano i due soliti vecchietti.

ADimensione Font+- Stampa

Settimana ricca di avvenimenti e di cose più o meno serie. Al bar de La Fune si parla di tutto, meglio: ne parlano i due soliti vecchietti.

 

-Ma penza ‘n po’! Pinzavo chi ‘n venivi!!!

– Seee lallero ecchè me perdevo ‘n giorno? Io non posso vive senza pijatte pè ‘l culo na vorta a settimana…

– E lo so, te possan’ammazzatte… come nell’ultimi sessant’anni. Spè famme lùstrà sta sediùccia dó stò a sséda che se famo l’auguri pè Pasqua! Ohhh.. mò ssì! Lo piji ‘n caffeuccio?

– T’aspettavo pe pijallo..

– Che fae tu cò la tù moje pè Pasqua??

– Ecc’ho ddà fa? Le solite fregne, nnaremo giù dal mi fijo, a magnà ‘m po’ d’abbacchio, dù carciofi fritti cò le cotolette e poe famo le bolle al naso doppo pranzo. E tu?

– Stesse cose, ma prima passo giù da lo scapicollo a dà ‘l da magna a le bbestie e poi vòjo annà a casa da la mi fija che dice che m’anvitato.

– Strano! Se sarà confessata de li peccati oppure je serve qualcosa.

– Essì, strano eh! E vedemo, me farà magnà la cicoria, magari, che lo sai che è attacata ma ce vojo annà uguale. Ma tardi, però, ce vojo annà come li romani, a ora de pranzo, che sennò me mette pure a fa ‘l maschietto pè apparecchià!

– De romani ce so più pochi…

– E graziè, cò stè strade! Pè venì ssù da Roma cò la Cassia a Pasqua hà da partì a Carnevale! A proposito hà’n teso?

– ‘Nteso che?

– C’hanno aperto la strada a Ponte Sodo!

– Ah beh, què è mportante! Mò però tocca chiude tutte quell’altre! Perché le voi chiamà strade?

– Ennamo su, sè sempre ’ncazzato! Mò dice che vonno fa pure la rota panoramica a Pratogiardino! Che sali su e se vede pure ‘l mare!

– E pporo pullastrone! quéloro spèrano che ‘l sóle t’alluma ll’òcchje, così non guarde la zozzumaja de sotto. Sei come ‘l bracone, solo che ll’ovo ce l’hai ne la capoccia!

– Ma scuseme ‘n sarebbe bella? Na bella ròta, lla pè Prato Giardino!

– Lo vedi quanto sei zuccarone? Sarebbe bello Pratogiardino e basta, senza rota, ma com’era prima, cò li fiji che ce giocano, cò li fiori, cò le fontane, li cigni e le papere, li mastietti che se baciono sul ponticello verso lo stadio, li nonni cò li nipoti e ‘l gelato. Aperto, cò la gente che passeggia, che legge li libri su li prati, che pranza, che corre sotto l’ombra dell’alberi. Sarebbe bello che non ce fosse bisogno de svejasse e d’enventà na cazzata pè risollevà le sorti de stà città, come ‘l campo da golfe, la ròta, o le lucette, ‘l quadruccio al museo, li portici da rifà pè seicentomila euro, le piste de ghiaccio pè Natale.

– Hà raggiò. Perché quanno sei senz’idee pure le cazzate sembrono ‘n brillocco ‘mezzo a ddù zinne.

– Vabbè và, vò a preparà l’orto e a ordinà l’agnello che questòro vonno le cotolette..

– Ahò, ‘n ti fa sintì da Berlusconi, hà ‘n teso? Je dava ‘l bibbarò, ha detto che ‘n tocca magnalle stì bestie.

– E allora ‘n toccherebbe magnà manco li gallustri, ‘l’anguille, lì ciochi…

– Tocca diventà tutti fregani!

– Vegani…. zuccarone! Vegani. E poe, sentem’ammè io sarò pure na cattiva persona ma preferisco magnà l’agnello che annà a raccontà le barzellette ma l’ospizi…

– Vabbè quell’ò, auguri..

– Pur’attè e famija. Te saluto che vò a commatte còl mì nipote che tocca guvernallo a “bocca mia che voe..”

– Seeee la fava… cò la mi moje, dù zampate nel culo a lue e a la su mà..

– Che sarebbe poi la mi fija.. ma hae raggione uguale..Ciao, s’arisintimo..

– Cià..