Al bar de La Fune – “Questòro basta che chiaccorono! E la città s’affuga”

Al bar de La Fune – “Questòro basta che chiaccorono! E la città s’affuga”

Al bar i soliti due vecchietti viterbesi si incontrano e si raccontano quello che gli accade intorno. Quello che accade in giro per la città e in queste ore non si parla d'altro che della pioggia venuta già ieri pomeriggio e degli allagamenti.

ADimensione Font+- Stampa

Al bar i soliti due vecchietti viterbesi si incontrano e si raccontano quello che gli accade intorno. Quello che accade in giro per la città e in queste ore non si parla d’altro che della pioggia venuta già ieri pomeriggio e degli allagamenti.

– Ecchete và!

– Ciao quell’ò!

– Era ora che rrivavi! T’aspettavo pel caffè, pensavo c’eri rimasto addietrato!

– Zitto và! La mi mojaccia m’ha fatto mett’apposto pure ‘l da magnà pè Natale prossimo.

– E ‘n do cazzo sei nnato?

– Eh come ‘n do so annato? Semo nnati a ffà la spesa, quella della settimana, la mi moje ce vole annà ‘l lunnedì così trova meno cristiani! Orcanculata, nu’l’essimo fatto mae! E n’ha piovuto!

– Embè? Gni tanto piove pure! Ma dentro al supermercato?

– Ma lete llì, le sée faciolo! Fòri! E’ venuto giù nò sgrullone c’ha mollato pure l’ossa, veniva ggiù a brocche! C’erono le maghine ferme llà ppè le cunette, li carrattrezzi che annavono a riccojele cò le strade n’erono più addoprabbili. Hà da veda sotto al semianello! C’era come ‘n lago. Anzi, no “come”, un lago proprio!

– C’ha dà fa, dice che stamo a cambià clima. Se semo tropicazzati!

– Sentè che pornella! Cò le cazzate ce manni avanti li treni! Tropicalizzati casommai.

– Ellà c’hae capito! E comunque a me me pare na cazzata, li temporali ce so sempre stati. ‘N t’aricordi che annavamo subbito a pija le lumache? E che c’era stò casino?

– E ‘n c’era no! Eppoe, anche fosse, se dice che stà a cambià ‘l clima, significa che lo sai! E quindi? Che volemo fa? lo volemo subbi, la pijamo a gargarozzo aperto e sfonnato? Lo volevo dimostrà che ‘n semo come le scimmie? La volemo fa qualche cosa?

– Seee, la fava di Bina! Questòro basta che chiaccorono! Io dico nò, se sai che piove più forte te regoli, magari fai li tombini più larghi, li fossi de le strade più grossi. Invece manco li teni puliti, li tombini so tutti chiusi, li fossi so pieni de monnezza!

– E l’acqua, lo sae, è sfaticata! Và sempre a scenne e segue la via più breve. Sa chi j’incula all’acqua se ‘n mezzo ci sò le genti che vanno all’upimme! Sa che je frega se ha d’annà a pija li fiji a scola! Te se mette ‘n mezzo, e lì rimane! Cò le strade che c’èmo ha da sperà pure de ‘n rimanè dentro a qualche buco che ‘n se vede! A li tempi nostri, si l buco se tturava ‘mpochetto, si stuzzecava co ‘m bastoncello, mò che voi sturà ne stì tombini, so tutt’attufati! ‘N corpo che te pija?

– Hà capito si! Noi c’annavamo a lumache cò l’acqua, què ‘nvecese fanno vinì a pija dal carrattrezzi.

– Che tristezza quell’ò! Dimo dimo che semo diventati ‘ntelliggenti, chiaccheramo, internet, li cellulari, l’orecchini sull’ompiccione.. e poe.. s’empiono la bocca cò li congressi, cò le convesciòn…

– Ennò mò vene pure la ministra, quella caruccia, a riccontàcce le favolette.

– Ennò, raccontatici le favolette, e soprattutto continuate a favvèle riccontà, che qui ‘n semo bboni manco a passà ‘n temporale.

– Orconeronecane, davero!

– Manco ‘n temporale!

– Manco quello.

– Caffè?

– E pijamolo và… tanto, ‘ncazzati pè ‘ncazzati…

Banner
Banner
Banner