Al bar de La Fune – “Oggi la dignità te la leva pure ‘n registratore…”

Al bar de La Fune – “Oggi la dignità te la leva pure ‘n registratore…”

I soliti due vecchietti si trovano alla solita panchina o al solito bar, poco importa. Si salutano, uno è già in posizione, l'altro arriva e si siede.

ADimensione Font+- Stampa

Per la serie: “Sarà capitato anche a voi…”

I soliti due vecchietti si trovano alla solita panchina o al solito bar, poco importa. Si salutano, uno è già in posizione, l’altro arriva e si siede.

– ‘Ossa magnà ‘l sapone! Ma n’d’eri nnato a finì?

– Eh ‘ndò voè ch’ero annato a finì? A casa, possan’ammazzà..

– E cch’è successo?

– Ho dovuto pija ‘l dà magnà pè la mi moje che c’avuto l’infruenza! M’è toccato pure lavà li panni, stenneli, ripijalli sù.. na settimana de passione… ce mancava solo che me faceva sfulinà com’a Pasqua! E tu ‘nvece?

– Lete và.. sò ‘n cazzato come ‘n billo!

– Eccom’è? C’avrae fatto mae eh?

– Ho dovuto telefonà al nummero verde de la banca, ‘n corpo che je pije! Poi chissà perché cazzo lo chiamino verde che quann’ho finito ero nero come la pece?

– Pè na telefonata? Ecchessaràmai?

– Chessaràmae? L’hai ‘ntesi mai li risponnitori? Quelli che te dicono le fregne de seguito? Quelli che sò robbot che parlano riggistrati?

– Eh sì m’è capitato, ‘n genere ce pensa la mi fija.

– Allora, ierassera m’è rrivato ‘l bancomat nòvo. Su la lettera d’accompagno c’era scirtto ch’evo da chiama ‘l nummero verde pè attivallo che sennò ‘n funzionarà. Stamani me sò fatto ‘l caffè e l’ho chiamati.

– Sintimo…

– Sente que eh…
Telefono e me risponne: “bongiorno se vòle parlà còll’attivazzione vocale dica “voce”, se vuole il risponditore automatico prema 1,
se vuole partecipare alla campagna ai sensi del decreto “chettelodico affà che n’ho capito gnente” prema 2, se vòlete piantà ‘n cazzo che te se frega prema sett’otto.. insomma n’ho capito gnente perché nel frattempo la mi moje me diceva le fregne e io je facevo: “zittete! zittete porcanculata!!!” E lei ggiù che continuava.

– E allora?

– Ho riattaccato! Sò nnato da la mi moje e j’ho detto: ahò norrompe li cojoni ch’ hò da chiamà la banca… E non m’ha messo ‘l muso?!
Arisò nnato al telefono. Arihò chiamato.
“Bongiorno se vòle parlà còll’attivazzione vocale dica “voce”, se vuole il risponditore automatico prema 1!
Ho penzato che era mejo vocale e ho detto voce!
Me fà: “vuole attivare la carta bancomat? vuole bloccare la carta bancomat, vuole informazioni sulle operazioni da e per l’estero? vuole nsacco d’altre fregne ..
E la mi moje da dietro me fà: “te volevo fà li facioli cò le cotiche, t’attacchi al cazzo tu e le cotiche!!!
E io: “ehm, pos.., comat, carta.. shhhhh, stò a parlà.. ssanammazzatte… ”
E ‘l telefono me dice: “non la capisco! ripeto il messaggio: “vuole attivare la carta bancomat? Vuole bloccare la carta bancomat, vuole informazioni sulle operazioni da e per l’estero? Vuole nsacco d’altre fregne ..
Arivia… da capo a dodici…

– E allora?

– Ho riattaccato. Allora ho preso na penna e ‘n fojo. Me ce sò messo de punta. Arihò chiamato:

– Arivia!

– Arivia s^! Cazzo a settantanni n’è che me pò pija pel culo ‘n pezzo de plastica eh nnò eh!
Arichiamo, aristessa sòlfa. Dico “Voce!”, dico “bancomat!”, (inizio a pijacce gusto) an certo punto me dice: “vuole attivare la sua carta bancomat?”
Cazzo, dico io!! E’ quello c’ho ddà fà!!
Je dico: “SI!!!”
Me dice: “non la capisco! scandisca bene, le ripeto il messaggio: vuole attivare la sua carta bancomat?”
Je dico: vojo attivà la MIA carta bancomat!
Me dice: “non la capisco! (orcanculata) scandisca bene, le ripeto il messaggio: vuole attivare la SUA carta bancomat?”
Cazzo, ho pensato, vorrà che je dico la SUA? come sul messaggio?Je dico: “voglio attivare la SUA carta bancomat!”
Me dice: “non la capisco! Visto che non ci capiamo la ripasso al risponditore automatico. Se vuole attivare una carta prema 1, se vuole bloccare una carta prema due, se vuole ai sensi del colpo che te pija.. prema ‘n cazzo che te se beve…

– E allora?

– Ho biastimato! Me ne pento ma ho biastimato. Ho sbattuto l’ telefono làppela cammeretta e sò venuto qui. E la mi moje dietro che me diceva che sò rincojonito.

– Beh la prossima volta dije che ce provasse lei!

– Ah capito come? Io sò rincojonito, io! Ve pozza pija fòco…
Ma te pare a te? E quanti ce ne sò de rincojoniti? Quanti? Quanti ce sò come me? Io sò convinto che pure li mastietti c’hanno li problemi cò stì cazzo de risponnitori. Ma pò esse che non c’è nessuno de umano? Pò esse che dopo che te fanno pagà pure l’aria e non te danno manco ‘n sordo d’interesse non c’è un cristiano pè parlà cò ll’altri cristiani?

– Quell’ò, ma ‘ncora n’hà capito? Noi semo merce. Semo tutti merce. Sèmo carne da cannone. Da sfruttà fin’acchè possono. Cò tutti. Cò lo stato, còl commune, cò li fiji, cò l’assicurazzioni, li supermercati, li dottori, le banche. Pò esse che n’hà capito?

– Hà raggiò!

– Pensece, Na volta se volevi mette du sordi al sicuro li mettevi in banca, oggi se li voi mette al sicuro non je l’hai da dà proprio!

– Hà detto bbene. Mò butto tutto, ‘l bancomat, le bollette che se pagono da sole, ‘l telefono. Cinquant’anni fa, stè fregne non ce l’evòmo. Ognuno de noi c’èva poco ma c’èva almeno la dignità. Campavamo uguale.
Oggi la dignità te la leva pure ‘n registratore…