Al bar de La Fune –  “Mò spiegheme che cazzo de futuro c’avemo noialtri a continuà così?”

Al bar de La Fune – “Mò spiegheme che cazzo de futuro c’avemo noialtri a continuà così?”

Torna, dopo un periodo di assenza, una delle rubriche più lette de La Fune. I due nostri vecchietti tornano a incontrarsi, dopo un periodo di viaggio "pel mondo" di uno di loro. E quando giri "pel mondo" ti accorgi di più di come è il tuo posto d'origine.

ADimensione Font+- Stampa

Torna, dopo un periodo di assenza, una delle rubriche più lette de La Fune. I due nostri vecchietti tornano a incontrarsi, dopo un periodo di viaggio “pel mondo” di uno di loro. E quando giri “pel mondo” ti accorgi di più di come è il tuo posto d’origine.

 

 

– Noooo… ma… ma che davero?

– Ecchete và!! Lo sapevo che t’aritrovavo al barre …

– Vardà! So proprio contento che sei tornato! Allora ‘n zei morto! Me stavo a proccupà.

– Morto? Ma lete llì, spetteme che me tocco l’ordègne. Tu me farae morì schjattato a forza de grattamme! Gnente.. sò ìto via ‘n tantino.

– ‘N’ tantino? Cóme sarèbb’a ddì? E da doppo Santa Rosa che ‘n te se vede!

– A stà mmiqquì me stufo, Ho detto: “Vòjjo annà ndu si gòde la vita.” E così so’ annato a ffà ‘n viaggio.

– Porca’nculata saràe annato ‘n rovina, pè tutto stò tempo.

– Ma nò, évo messo da parte ‘l quatrine, ho preso la mi moje e ho detto “nnamosene, nnam’a vvedè se se po’ vive ne n’antro modo!”

– E quinni?

– E quinni, sì! Se po’ vive come non vivemo noiantri, se po’ vive senza fretta, senza troppi sordi, se po’ vive senza maghine, senza supermercati, a salutasse pè strada, fra li fiori e li prati, senza prioccupasse de come c’hai li vestiti o de che colore c’hae l’ughie. E più t’allontani da qui è più è vero!

– ‘N ci credo! Llà llà n’essa esaggerato, mica è l’inferno ‘n do semo noe!

– Allora m’ha da fa ‘ncazza! No, non è l’inferno ma ce manca poco, non funziona più ‘n cazzo e non ce so più regole. Io sarèbbe curióso de sapé ssólo na còsa. M’ha da dì ccóme fae tu abbozzà bbòno bbòno le còse de tutte li culóre che tte fanno questòro. Ma l’hae viduta la città? Perché se tu vae fòri e torni lo capisci mejo. Fidate. Perché se c’abbiti sempre te pare normale. Raggiona n’attimo: C’hanno fatto quèstoro?

– ‘N pezzo de budellone.

– Ah lo vedi? Penza tu che quéstoro so come li parassiti, hanno fatto ‘n patto pè arrivà alle stelle mentre tutti noi stamo nelle stalle

– Si ma pagamo le tasse come pè stà nelle stelle.

– Ah ce senti mò? Mò te fò n’antra domanda: secondo te perché ne la Natura l’animali cercono d’accoppiasse?

– Pè piacere!

– Ma lete gojio, je piacerà pure ma vanno a fratte pè riprodusse, pè continuà la specie… pè ‘l futuro. Mica c’hanno la trevisione cò li zozzerie. Lo fanno pè istinto, pè Natura. Sei convinto?

– Beh sì, pèl futuro de la specie.

– Bravo, futuro. Stà parola ce manca, non semo più in grado de pensacce al futuro. Pensamo solo al presente e a qualcuno, qualche volta, je piace de ricordasse ancora li broccoli de Natale. Mò spiegheme che cazzo de futuro c’avemo noialtri a continuà così? Noi potemo godesse ‘l presente, potemo magnasse ddù braciole su la bracia ma poe? Che faranno li fiji nostri? E ce saranno ancora li fiji? Semo sempre più vecchi e c’èmo sempre meno mastietti. Li fiji li fanno li disperati ma noi no. Noi no li famo più. Quanno li fiji no li fai significa che ‘l futuro n’é tanto bello.

– ‘N so convinto.

– A fregna! Guarda a me. Io so vecchio eppure cò la mi moje pinzamo a mette li pommidori pè l’estate, a fasse li conti pè costruì na pergoletta nell’orto pè ‘l prossim’anno. Ancora ce l’avemo l’idea de futuro.

– Beh che c’entra pur’io ho messi li pommidori, ho messo pure li peperoni!

– Bravo! Lo capisci che tu vèni da n’antra generazzione? Questoro penzono a venerdì, a mbriacasse pè scordasse le fregne. Devono esaggerà. Pensa a quel pòro fijo ch’hanno ammazzato fòri da la discoteca, hà ‘nteso?

– Hò ‘nteso si!

– Chi l’ha ammazzato mica li mette li pommidori! Mica fa li fiji. Pensa a drogasse, a divertisse. Vivono ‘l presente. Futuro zero. E’ tutto sbajato, pensece.

– Ce penzo. Gnì tanto, quanno ‘l mi fijo me dice che non je la cava a portà li fiji al mare io ce penzo e dico: Io mica ce lo portavo, non c’evo li sordi. Mò pare diventato d’obbligo. Ddio sólo sa quanto me piacerebbe fàje capì che ‘l sacrifice c’ho fatto mentre fecevo ‘l frattarolo erono pè lloro. ‘N so serviti a gnente. Che s’eva capito ‘n tantino arméno mpararèbbe a ssopportà l trìbbole cò la stéssa pazienza cóme l’ho passate io. Invece questoro vonno tutto e subbito.

– Oh ce sei arrivato. E quanno torni a casa lo capisci. Perché vedi l’altri posti e dici: ma come cazzo fanno a avecce tre fiji? Come fanno a portasseli dietro ‘n viaggio? Come li fanno studià? E come mai sò tutti educati e graziosi stì mastietti? Lo sae perché? Perché hanno un idea de futuro ne la capoccia. Chiedetelo quell’ò. Quanti ce l’hanno ancora qui?

– Pòchi.

– …

– … hmmm Te la posso dì nà cosa?

– Che m’hae da dì?

– Che sei tornato più ‘ncazzato de prima.

– Mejo d’essa considerati ncazzati che rimbambiti.

– Già..

– Già..

– Sai che te dico quell’ò?

– Dimme…

– Domani metto giù pure le zucchine..

Natale Viterbo