Al bar de La Fune – “Due de Viterbo che presentono ‘n concerto al Commune e cantono a Caprarola?”

Al bar de La Fune – “Due de Viterbo che presentono ‘n concerto al Commune e cantono a Caprarola?”

In questi giorni è successo un fatto strano: due artisti di Viterbo hanno presentato un loro concerto a Palazzo dei Priori, poi hanno contato a Caprarola. L'argomento è diventato questione da bar, così i due soliti vecchietti cercano di ragionarci sopra.

ADimensione Font+- Stampa

In questi giorni è successo un fatto strano: due artisti di Viterbo hanno presentato un loro concerto a Palazzo dei Priori, poi hanno contato a Caprarola. L’argomento è diventato questione da bar, così i due soliti vecchietti cercano di ragionarci sopra.

– Arïècchece qua!

– Che dichi quell’ò? L’ha fatto mezzagosto?

– Ennò? E seconno te che rimanemo ‘ndietro? Na magnata fijo mio, che tte lo dico a ffà, maprò me so rifatto, tre giorni a spurgà come ‘n capagno de lumache. Pè cena ‘n po’ d’erba e llè! Me so ripreso ierassera.. E tu?

– Gnente de che, le solite fregne, solo l’altro ggiorno ‘l mi fijo m’ha fatto ‘n regalo.

– E come mae? Ch’eva da scontà?

– Ma no, ogni tanto ce fa girà ‘n tantino.

– E che regalo t’avrebbe fatto? Sintimo..

– M’ha portato a ‘n concerto a Caprarola.

– A Caprarola?

– A Caprarola!

– E chi c’era a Caprarola?

– Dù cantanti de Viterbo.

– De Viterbo?

– De Viterbo!

– E cantavono a Caprarola?

– A Caprarola!

– Dice che stò concerto l’evono presentato al Commune, c’evono pure fatto na conferenza stampa.

– Qui a Viterbo?

– A Viterbo!

– Ma me stai a pija pèl culo? Due de Viterbo che presentono ‘n concerto al Commune e cantono a Caprarola? Ma come sarebbe mò stà fregna?

– Ah guà, no lo so, so solo ch’è stato na meravija! Hà da vede che posto, sotto ‘l palazzo Farnese, là ne nà piazzetta de fronte a nà chiesa, tutto preciso, ‘rganizzato da li volontari, le musiche ha dà sentì, e poi, questoro due, dù fenomeni!

– Ma lete llì.. E chi sarebbero mai stì due?

– Io nò li conoscevo, ma so due famosi, de qua, uno dice ch’è ‘n baritono e uno ‘n tenore. Cantavano le canzoni, quelle dè li tempi nostri, quelle belle de quanno facevo l’amore cò la mi moje, da mastietto, me se strigneva ‘l còre a sintille. Hà da sintì che voci! Ahò, più tiravono sù e più j’usciva! Na cosa mai ‘ntesa. Ma poi simpatici, tanto carucci tutt’eddue.

– Ma po’ esse che c’emo stè genti? E c’erano lì cristiani?

– Li cristiani? Era pieno quell’ò! E ‘n ce crederae ma n’è manco volata na mosca! Ma tu hà da vede ! ‘N ce se créde a rriccontallo!

– E què nu la volevo sintì. A Caprarola?

– A Caprarola!

– Due de Viterbo?

– Due de Viterbo!

– Presentati al Commune?

– Ahò ma chè ‘n c’hae l’apparecchio pe ll’orecchie stamani?

– No, ma chè, è che.. è che non capisco.

– Manco io. Però è così.

– Ma che volevano ‘n pappiè de sòldi? So carestosi?

– No no, dice c’hanno fatto tutto pè beneficenza pè li fiji del Guatemala.

– Pè binificenza?

– Sine!!!!

– A Caprarola…

– A Caprarola…

– Due de Viterbo…

– Si..

– Ma … ma.. perché noll’hanno fatto a Viterbo?

– Ahò mò m’hai rotto li cojoni eh.. io non so le fregne manco per me figuramose quelle de Viterbo.. Te saluto vò da la mi moje che je vò a cantà e me cucina come vojo io…

– Ma..ma…

– “Taggia vulut ben a te… tu me vulut ben a me… ciao quell’ò se vedemio…

– …

Banner
Banner
Banner