Accesso agli atti, nessuna risposta per Ubertini “il tenace”

Accesso agli atti, nessuna risposta per Ubertini “il tenace”

E proprio in questi giorni il tema dell'ampliamento del supermercato Iper Conad, in prossimità dello svincolo della superstrada e della Cassia Nord, è diventato particolarmente centrale.

ADimensione Font+- Stampa

Accesso agli atti, continua l’epopea del consigliere di minoranza Claudio Ubertini. Correva il 17 marzo di quest’anno, quando il forzista ha deciso di presentare domanda di accesso agli atti su cinque pratiche su cui si sta lavorando negli uffici di Palazzo dei Priori.

Cinque le pratiche su cui le opposizioni stanno cercando di attuare le legittime verifiche che sono riconosciute per legge ai consiglieri comunali. Si tratta di cinque questioni molto importanti: il project financing su ex Terme Inps, il project financing sui parcheggi interrati in diverse piazze del centro, l’ampliamento in corso dell’area del supermercato Iper Conad (ex Leclerc), progettualità nell’area delle Terme del Paliano, demolizione del casaletto sulla Cassia Nord (ex Cencioni).

In data 7 aprile Ubertini si è visto recapitare solo le carte relative al project sulle Terme. Di tutto il resto non v’è traccia.

La norma prevede che il consigliere che fa richiesta di una pratica deve ricevere il tutto entro il tempo massimo di dieci giorni. Così ieri mattina Ubertini, ormai ribattezzabile come “il tenace”, si è recato nuovamente alla segreteria generale per chiedere quello che gli sarebbe spettato da tempo. Ancora niente.

E proprio in questi giorni il tema dell’ampliamento del supermercato Iper Conad, in prossimità dello svincolo della superstrada e della Cassia Nord, è diventato particolarmente centrale. Infatti si è diffusa la notizia che nell’area ampliata dovrebbe trovare loco un grande marchio della distribuzione come Decathlon, con connessi 120 posti di lavoro. Se la notizia trovasse riscontro si tratterebbe della più grande assunzione di massa degli ultimi trenta anni di storia della Tuscia.

Sulla prospettiva diversi consiglieri di opposizione hanno mostrato perplessità ieri mattina durante i lavori della seconda commissione che sta predisponendo il tutto per l’approvazione del bilancio consuntivo 2015.