A Viterbo l’annuale raduno della falconeria

A Viterbo l’annuale raduno della falconeria

Il Castel di Salce ospiterà il quarto raduno dei falconieri del Lazio. Presenti tantissimi addestratori che daranno dimostrazione dell'abilità di queste splendidi animali.

ADimensione Font+- Stampa

Si terrà questa domenica, 29 novembre, all’interno dell’azienda faunistico-venatoria Castel di Salce, tra Viterbo e Monteromano, l’annuale raduno di falconeria dell’Unione Nazionale Cacciatori Falconieri del Lazio, settoriale di falconeria della Federcaccia, giunto ormai, in un crescendo di entusiasmo e interesse, alla sua quarta edizione.

L’incontro rientra anche nell’ambito delle celebrazioni del world falconry day che si tiene il 16 novembre di ogni anno, sotto il patrocinio della Iaf (International Association for Falconry), con riferimento anche al recente riconoscimento Unesco della falconeria quale “Bene Culturale Immateriale dell’Umanità”. Interverranno numerosi falconieri, provenienti da tutta Italia, insieme ai loro bellissimi falchi addestrati, per dar prova delle loro capacità.

L’appuntamento sarà l’occasione per ammirare le vertiginose picchiate dei falchi pellegrini e i velocissimi inseguimenti degli astori, ma anche per poter prendere contatto con il vero spirito della falconeria che è prima di tutto “Arte Venandi cum avibus”, come affermava Federico II di Svevia nel suo trattato sull’Arte della falconeria. Gli esperti falconieri di Uncf Lazio saranno a disposizione di chiunque voglia avvicinarsi a quest’arte venatoria, che consente più di altre un intimo contatto con la natura e soprattutto con quelle creature affascinanti e misteriose che sono i rapaci.

I voli dei falchi addestrati si svolgeranno in un ambiente protetto, dove i falconieri e i loro splendidi animali potranno simulare al meglio l’azione di caccia.