A palazzo Brugiotti tornano i pomeriggio touring

A palazzo Brugiotti tornano i pomeriggio touring

Venerdì appuntamento alle 17 per ripercorre la colonizzazione del castello di Pianiano dai popoli ottomani

ADimensione Font+- Stampa

Torna venerdì l’appuntamento mensile con i “pomeriggi touring” a palazzo Brugiotti di Viterbo. L’incontro di questo mese, che avverrà alle 17 con ingresso libero, verterà sugli Albanesi di Pianiano. Maura Lotti ci parla di una forte presenza di Albanesi nel castello di Pianiano (Cellere) intorno alla prima metà del Settecento.

Era un gruppo di rifugiati cristiani provenienti dal nord dell’Albania ottomana cui fu concesso di colonizzare il feudo abbandonato di Pianiano, infestato dalla malaria. Fu certo un vigoroso apporto all’economia del posto. Nel 1845 questa colonia fu dichiarata estinta. Ci resta in ricordo la tela conosciuta come “La Madonna degli Albanesi” nella chiesa locale e l’intitolazione dell’unica via del borgo.

Maura Lotti introduce la conferenza con un video-montaggio sui tempi di una melodia tratta da un vecchio spartito ritrovato nel 1843 nell’Archivio di Stato di Scutari, intitolato “Tradizionale di Scutari”, che evoca la suggestione dell’ambiente culturale da cui provenivano le famiglie scutarine che colonizzarono Pianiano. In quel tempo gli immigrati albanesi furono un’opportunità per l’economia di quelle terre bonificate dalla malaria. Ogni riferimento alle situazioni attuali rischia la retorica.

“I Pomeriggi Touring – sottolinea il console Touring di Viterbo Vincenzo Ceniti, animatore dell’iniziativa in collaborazione con la Fondazione Carivit e la Fidapa – hanno seguito quest’anno un percorso di attuale interesse (Marginalia), che ha riscosso l’apprezzamento e la condivisione dei soci e dei numerosi simpatizzanti”.

Decarta racconta la Tuscia